giovedì 29 dicembre 2016

Recensione audiolibro: "Sole di mezzanotte" di Jo Nesbo letto da Pino Insegno

Buongiorno ragazzi,
prima di iniziare a tirare le somme dell'anno ormai agli sgoccioli, voglio parlarvi di una mia nuova esperienza: gli audiolibri.
Voi avete mai provato ad ascoltare un libro letto da qualcun'altro?
Io ero convinta del fatto che non sarei riuscita a cogliere tutte le sfumature della storia se a leggere fosse qualcun'altro ed invece mi sono dovuta ricredere.
A farmi conoscere questa nuova sfaccettatura della letteratura, è stata la CE Emons, che mi ha dato la possibilità di ascoltare "Sole di mezzanotte" di Jo Nesbo, letto da Pino Insegno.

Titolo: Sole di mezzanotte
Autore: Jo Nesbo
Legge: Pino Insegno
Editore: Emons
Ore ascolto: 5h 10m
Prezzo file mp3: €10.14
Prezzo CD: € 16.90

Trama:
Per sfuggire al Pescatore, il più spietato signore della droga norvegese, Jon ha percorso 1.800 chilometri, fino a raggiungere un paesino remoto dove il sole non tramonta mai. Qui ha cambiato nome e ha trovato un capanno di caccia dove nascondersi e forse una donna da amare. Nell’implacabile luce estiva scoprirà se la redenzione è possibile, o se la speranza è solo un’invenzione del diavolo.


Recensione
Ascoltare un libro piuttosto che leggerlo, devo ammetterlo, è strano. Ma strano non significa che non sia un'esperienza piacevole. Ho caricato il file mp3 sul mio smartphone e l'ho lasciato lì qualche giorno prima di decidermi ad iniziarlo perché ero ovviamente un pò scettica. L'ho iniziato in una serata in cui dopo circa 10 ore al Pc per lavoro, i miei occhi non avevano nessuna voglia di continuare a lavorare e quindi sarebbe stato impossibile leggere. Così armata di cuffiette e con il naso sotto le coperte ho iniziato ad ascoltare questa storia.


Lasciarsi trasportare nella terra lontana scelta dal protagonista per nascondersi non è stato difficile: Jon, un uomo costretto dalla vita in giri troppo pericolosi, si ritrova da piccolo spacciatore a dover regolare i conti del capo della droga. La disperazione può a volte spingere un uomo a gesti che non avrebbe mai fatto e Jon è disperato. Ha un disperato bisogno di soldi per provare a salvare la persona più importante della sua vita, sua figlia. E quando c'è in ballo la vita di una figlia, la vita degli altri diventa meno importante. Jon diventa il regolatore di conti del suo capo, uno dei trafficanti di droga più spietati. Il compito di Jon è semplice: recuperare i soldi e uccidere. Ma cosa succede se un attimo prima di premere il grilletto guardi negli occhi di chi hai davanti? Succede che, per quanto freddo Jon possa esser diventato, vacilla e non spara. Ma far arrabbiare il capo non portando a termine il lavoro non è una buona idea e Jon lo sa. 
È così che inizia l'avventura e la nuova vita di Jon, costretto a fuggire nel posto più lontano possibile, in un paesino in cui il sole non tramonta mai. In un paesino che potrebbe segnare la sua fine o la sua rinascita.
Immaginare i luoghi, scoprire il viso dei protagonisti, sentire ciò sentivano loro, vivere le loro emozioni, non è stato difficile. La voce di Pino Insegno emoziona e coinvolge, con la sua interpretazione un audiolibro diventa un film e tu lì, con le cuffiette nelle orecchie e gli occhi chiusi ti lasci cullare dall'immaginazione.

Ovviamente un audiolibro non potrà mai sostituire il vero piacere di sfogliare e leggere un vero libro ma è una comoda variante. Ideale per far riposare gli occhi, durante qualche tragitto più lungo in auto, mentre si ha le mani impegnate in faccende domestiche o altro... insomma, in tutti quei momenti in cui vi piacerebbe vivere una nuova storia ma non avete modo di prendere un libro, potrete optare per gli audiolibri! ;)

2 commenti:

  1. Per iniziare a prenderci la mano volevo provare ad ascoltare "Il giornalino di Gian Burrasca" ma ancora non mi sono decisa :) Però continua ad affascinarmi la prospettiva. Ogni volta che trovo un audiobook in promo ci faccio sempre un pensierino :) Sono curiosa, quando hai impiegato per ascoltare tutta la storia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Circa una settimana perché lo ascoltavo un'oretta ogni sera prima di dormire. Confesso che qualche volta mi sono addormentata con le cuffiette!! Ho scoperto che la voce di Pino Insegno è rilassante :)
      Dagli un'opportunità perché è davvero coinvolgente!

      Elimina