venerdì 1 luglio 2016

Recensione: "Dimmi tre segreti" di Julie Buxman

Credo che ormai mi unirò al popolo della notte, le uniche ore libere per leggere e per dedicarmi al blog sono dalle 23 in poi. Ma non importa, ciò che conta è riuscire a dedicarmici.
In queste serate mi sono lasciata cullare da una lettura dolce e delicata: "Dimmi tre segreti", romanzo YA autoconclusivo di Julie Buxman. E voi cosa state leggendo?

Titolo: Dimmi tre segreti
Autore: Julie Buxman
Editore: DeAgostini
Pagine: 389
Prezzo copertina: € 14.90

Trama:
E se la persona che ti conosce meglio al mondo fosse l’unica che non hai mai incontrato?
Jessie ha sedici anni e una vita da schifo. O almeno così le sembra il giorno in cui lascia Chicago per frequentare il liceo più snob di Los Angeles. Ma proprio quando le cose si mettono male, riceve una mail misteriosa. Una mail in cui Un Perfetto Sconosciuto si offre di aiutarla a orientarsi nella giungla della nuova scuola, mantenendo però l’anonimato. Jessie è perplessa: si tratta di uno scherzo di cattivo gusto o qualcuno vuole davvero darle una mano? Il punto è che lei non è nelle condizioni di rifiutare un aiuto tanto generoso: sua madre è morta ormai da un paio di anni, e suo padre si è risposato, costringendola a trasferirsi dall’altra parte del Paese, in un posto che odia con un fratellastro che odia ancora di più. Ecco perché Jessie non può fare altro che fidarsi: presto, Un Perfetto Sconosciuto diventa il suo migliore amico, e lei decide che è arrivato il momento di incontrarlo. Ma, si sa, ci sono segreti che è meglio non svelare mai…

Recensione
Probabilmente questa non è l'ora più adatta per recensire un libro perché a quest'ora la mia mente è ormai un groviglio di pensieri confusi, spero quindi di non delirare troppo (perdonatemi se dovessi farlo).
Ma in fondo, questo romanzo mi ha accompagnata in queste ore per tutta le settimana appena trascorsa: una lettura dolce che riesce a farti addormentare con il sorriso sulle labbra.
"Dimmi tre segreti", romanzo dedicato ad un pubblico giovane, è per la mia gioia, autoconclusivo. Motivo principale che mi ha spinta a leggerlo, insieme al fatto che avevo voglia di un pò di dolcezza. E cosa c'è di più dolce di un amore nato per caso a 16 anni?
Jessie, la giovanissima protagonista del romanzo di Julie Buxman, è costretta a trasferirsi in una nuova casa, in una nuova città, lontana dalla sua migliore amica, con una matrigna e un fratellastro che sembrano ignorarla completamente. Ci risiamo con la storia del trasferimento, ma ormai è diventato obbligatorio iniziare i libri in questo modo? Possibile che se si rimane nella città natale non possa succedere niente di intrigante ed emozionate?
Sorvolando su questo aspetto, che personalmente sto iniziando a detestare, per Julie ho avuto una simpatia già dai primi capitoli.
Una ragazzina semplice, determinata anche se impaurita dalle nuove compagne di scuola e forte nonostante la vita le abbia strappato troppo presto un pezzetto fondamentale del suo cuore.
Trasferirsi in un posto in cui sembrano essere tutti ricchi, tutti intelligenti, tutti griffati, ecc... non dev'essere sicuramente una cosa semplice ma Jessie sembra avere una persona misteriosa dalla sua.
Dal primo giorno nella nuova scuola riceve infatti mail e messaggi da Un Perfetto Sconosciuto (è così che si firma) che le da alcune dritte su come comportarsi, sulle persone da evitare, sui corsi di studio, ecc... Il misterioso autore delle mail e dei messaggi frequenta la stessa scuola ma Jessie non sa chi sia.
Tra i due, protetti da uno schermo che rende forti, si instaura molto presto un bellissimo rapporto confidenziale e intimo. Può sembrare strano ma molto spesso scrivendo si riescono a dire cose che magari non troveremmo mai il coraggio di dire, ci si sente liberi di essere sé stessi, si può riflettere sulle giuste parole da utilizzare per trasmettere al meglio le emozioni; e in questo libro di emozioni, anche se delicate e quasi sussurrate, ce ne sono davvero tante.
La storia non è originalissima lo ammetto, ma mi è piaciuta lo stesso. Quando non hai voglia di chiudere un libro anche se hai sonno, quando una storia riesce a regalarti un sorriso, quando ciò che leggi riesce a ricordarti o a trasmetterti qualcosa... per me vuol dire solo una cosa: è un libro che merita di esser letto!

8 commenti:

  1. Io ho adorato questo libro e mi è piaciuto un sacco come l'autrice sia riuscito a renderlo reale attraverso la trasposizione delle mail e delle chat.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le conversazioni tramite mail mi sono piaciute moltissimo (soprattutto l'oggetto di ogni mail), mi è dispiaciuto un pò quando sono passati ai messaggi :)

      Elimina
  2. mi sembra una storia carina e godibile, probabilmente l'ideale per una lettura estiva poco impegnativa ma comunque piacevole!! da tener presente, perchè no? ;=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela è una lettura perfetta per una giornata al mare o in piscina... è scorrevole e fresco! ;)

      Elimina
  3. Adoro questo libro, mi piacerebbe un sacco leggerlo!!!Sembra una storia carinissima *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai più o meno l'età della protagonista vero Ale?
      È perfetto per te questo libro ;)

      Elimina
  4. E ritorno alla vita dopo altri tre giorni di influenza.. sembra proprio che non riesca a uscirne! Tornando alla recensione, il parere che mi hai dato rispecchia le mie aspettative e come sempre sfuma il polverone che esiste intorno a questo libro. E' una bella storia senza troppe pretese. Tnx ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora influenza??? Avrai avuto un pò di tempo per leggere allora :*
      È uno young adult molto molto dolce, se inizi a leggerlo tenendo conto di questo aspetto, ti piacerà come è piaciuto a me! :)

      Elimina