venerdì 25 marzo 2016

Recensione: "Tu sei il mio desiderio" di Elizabeth Anthony

Riuscirò forse questa volta a seguire la mia TBR "smaltimento arretrati" fino alla fine? Per il momento la mia missione, anche se con alti e bassi, non sembra stia andando poi così male. Appena ho due minuti in più, mi piacerebbe fare un post anche qui con i titoli presenti nella mia lista, così magari mi consigliate voi a cosa dare la priorità! ;)
Per oggi vi parlo di un titolo che è rimasto in attesa per circa 6 mesi, qualche sera fa, spinta dalla voglia di leggere qualcosa di poco impegnativo, mi sono avventurata nella lettura di "Tu sei il mio desiderio", il secondo capitolo della serie erotica di Elizabeth Anthony. 
Il primo capitolo della serie, "Tu sei mia" (la mia recensione QUI) non mi aveva particolarmente colpita, anzi mi aveva aiutata semplicemente a capire che, anche se scritti bene, i libri erotici non fanno per me. Ma... rieccomi ad affrontare l'argomento perché ormai era nella mia libreria ed era in cima alla lista dei titoli che aspettavano da troppo tempo :P


Titolo: Tu sei il mio desiderio
Autore: Elizabeth Anthony
Editore: Garzanti
Prezzo copertina: € 16.40
Pagine: 580

Trama:
Oxfordshire, 1921. A diciassette anni Madeline è stata costretta a lasciare il suo paese, la Francia, per l’Inghilterra, patria del suo tutore, ma le antiche sale di Belfield Hall sono troppo solitarie per lei. Finché un giorno incontra il guardiacaccia della tenuta: Nathan Mallory, i cui modi arroganti non riescono a celare la bellezza dei suoi occhi. Madeline cerca di resistere. Ma cedere alla tentazione è inevitabile. Perché i loro cuori parlano la stessa lingua, quella della passione. Solo in seguito i segreti di Nathan vengono a galla. Mr Maldon, duca di Belfield, l’uomo che ha accolto Madeline, ora ha bisogno di lei per difendere la sua relazione con Sophie che ancora una volta è in pericolo. Madeline è davanti a un bivio. Credere a Nathan è difficile, e difficile proteggere il loro amore dagli intrighi che lo minacciano.





Recensione
"Tu sei il mio desiderio" è finito nella mia libreria per caso, una sorpresa da parte della CE, io però non avevo letto il primo capitolo della serie. Così, ho messo in un angolino questo libro e mi sono invece procurata "Tu sei mia" perché avevo voglia di conoscere bene la storia anche se continuavo a leggere ovunque che i due libri potevano esser letti anche separatamente. Terminata la lettura di "Tu sei mia", sono arrivata ad una conclusione: il genere erotico che ha riempito scaffali e scaffali di librerie di tutta Italia, non faceva per me quindi "Tu sei il mio desiderio" avrebbe atteso un bel pò prima di esser letto.
Il suo momento è arrivato a distanza di 6 mesi, in una serata di stanchezza totale in cui non mi sarei potuta godere nessuna lettura troppo impegnativa. Avete presente quando siete sfiniti sul divano e in tv lasciate sulle trasmissioni assurde in cui vi spiegano come si costruiscono le cose più disparate? 
"Tu sei il mio desiderio" è stato più o meno uguale.
Una lettura passatempo, senza pretese e senza impegno.
La storia infatti non è di grande spessore: Madeline è la figlioccia del Duca di Belfield Hall (che avevamo conosciuto a fondo nel primo capitolo della serie) e per sfuggire ai ricordi di un'infanzia terribile, decide di lasciare Londra e trasferirsi nella dimora di Belfield Hall. Qui le sue giornate trascorrono nella solitudine e nella noia fino a quando, durante una triste passeggiata nella radura, incontra il guardiacaccia Nathan ed è attrazione al primo sguardo.
Da qui in poi gli incontri tra i due diventano sempre più frequenti ed ovviamente fioccano le scene di sesso. 
Descrivere una storia d'amore solo dal punto di vista sessuale lo trovo veramente squallido e superficiale ma devo ammettere che almeno l'autrice, per quanto utilizzi descrizioni dettagliate, non cade mai nella volgarità. Una nota di merito all'autrice quindi che riesce a rendere delicato un racconto erotico, non è da tutti!
Non male anche la descrizione di ambientazione, luoghi e personaggi che fanno da contorno ai due protagonisti anche se risultano abbastanza eclissati dal sesso, protagonista indiscusso dei due capitoli della serie di Elizabeth Anthony.
Non posso dilungarmi nella descrizione della storia per trovare pro e contro perché, se eliminassimo dal libro la storia tra Madeline e Nathan, rimarrebbero un centinaio di pagine e quindi finirei per dirvi praticamente tutto.
Quindi che dire? Come per il primo capitolo, consiglio la serie solo a chi ama il genere erotico, sotto questo aspetto è un buon libro. Per chi invece preferisce una storia piena di emozioni, personalità, carisma e spessore... rimanete alla larga da questi libri! :)

6 commenti:

  1. Nella mia esperienza di lettura il genere erotico si divide in tre categorie: alto (L'amante di lady Chatterley), medio (The Boss), infimo o pseudo-erotico (50 sfumature & co).
    Ho affrontato diverse volte l'argomento sul mio blog e sono arrivata alla tua conclusione: se non ti trovi a tuo agio con il genere, meglio passare. Tuttavia se scegli un classico, come Lawrence, vai abbastanza sul sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari allora il mio approccio con questo genere è iniziato con il piede sbagliato, magari iniziando con "L'amante di lady Chatterley" mi sarebbe piaciuto un pò di più! Per il momento però non credo di dare a questo genere altre opportunità!!
      Grazie comunque per le dritte Rosa :*

      Elimina
  2. Complimenti però per la forza di spirito, nonostante non fosse il tuo - e il mio - genere. Anche se, nonostante non sia erotico come vogliono far credere, del filone ho apprezzato Mille baci e ancora cento, sulla storia d'amore tra Lesbia e Catullo. Sarò che ho fatto il classico. Sarà che era scritto troppo bene. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che dalla forza di spirito è stato una serata di poca lucidità a spingermi a leggerlo XD
      Ora la mia libreria è "pulita", niente più erotici grazie!!

      Elimina
  3. Ciao Sara, grazie per essere passata dal mio blog! E' sempre bello scovare nuovi angolini e condividere la stessa passione! A presto! Rosa

    RispondiElimina
  4. Ciao Sara, grazie per essere passata dal mio blog! E' sempre bello scovare nuovi angolini e condividere la stessa passione! A presto! Rosa

    RispondiElimina