giovedì 17 marzo 2016

New Entry in my Library (03/2016)


Prima di spegnere tutto e godermi le ultime ore della serata immersa tra le pagine di un libro, voglio condividere con voi gli ultimi titoli che hanno preso posto nella mia libreria sulla pila dei prossimi libri da leggere (in realtà sono impilati sulla scrivania al momento) ;)




Uno dei titoli che è entrato a far parte della mia libreria è una delle ultimissime pubblicazioni della collana Lain di Fazi, collana che mi ha sempre dato grandi soddisfazioni, spero quindi che sia lo stesso anche con "Vertigine. Le stelle di Noss Head 1" di Sophie Jomain.



La protagonista è Hannah, diciottenne parigina di origine scozzese, cittadina e sveglia, intelligente e spensierata. Il racconto inizia quando i genitori la costringono ad andare in Scozia per le vacanze, come tutti gli anni. Lì l’aspetta la nonna, personaggio affascinante dal passato misterioso. Hannah non tarda a ritrovare i vecchi amici e farsene di nuovi. Ma fin dal suo arrivo un incontro la turba profondamente, e inizia quella che sembra una vera e propria favola d’amore. Ma questa travolgente storia, da favola si trasformerà presto in incubo, e aprirà le porte del fantastico. Lui, l’attraente Leith, bello e dannato, è un lupo mannaro: il loro destino è segnato…


***



Il secondo libro mi è stato inviato dall'autrice stessa, Costanza Savini che approfitto per ringraziare. Il suo libro è "Ismail e il grande coccodrillo del mare", un libricino di poche pagine ma che promette grandi emozioni.


Un racconto ricco di suggestioni. Dove c’è un pettine d’argento con effetti taumaturgici per chi lo usa, una Grande Casa del Circo cangiante e variopinta, una bambina nei flutti del mare che ritorna ogni notte, in punta di piedi, nei sogni di chi non ha fatto in tempo a salvarla. Una favola magica con un excursus avventuroso e un ritorno alle origini.
Quasi un messaggio di recupero delle terre di partenza in senso geografico e spirituale. Ma, allora, Ismail è vittima o eroe di un destino ineluttabile? Ancora una volta la contraddizione conduce il lettore per mano alla ricerca della verità. Quando ci troviamo di fronte a un racconto con protagonista un ragazzo ci viene da pensare che i destinatari siano per l’appunto i ragazzi o gli insegnanti e gli operatori dell’infanzia. Non è così quasi mai. Non lo è proprio per Ismail e il grande coccodrillo del mare, perché se da una parte può entusiasmare i più giovani per il suo contenuto avventuristico “alla Salgari”, agli adulti fa davvero bene. Ce n’è bisogno. Ismail non è un eroe nel senso più etimologico del termine; quel che fa gli costa anche fatiche immense: è solo uno di uno di quei tantissimi ragazzi del continente “al di là del Mediterraneo” che come lui sono solo uomini del nostro tempo. I suoi antagonisti non sono degli anti-eroi fiabeschi, ma alcuni dei tanti, troppi, malvagi sempre del nostro tempo. Non ci sono “aiutanti magici” in questo bel racconto, ma solo tante umanità, spesso anch’esse ferite nel proprio natale..., qualcuno si è anche reinventato un altro nuovo Natale. È un testo scritto e pensato per tutti, ma in particolare per ragazzi e adulti di ogni Nord, in particolare quelli dei paesi che si affacciano al nostro Mediterraneo e del Vecchio Continente, con la sapienza e la piacevolezza narrativa della scrittrice che ha tenuto aperti gli occhi, le orecchie, il cuore e la fantasia alle umane vicende di chi ci sta intorno.

***


Non ho letto la precedente pubblicazione di Marianne Kavanagh (Un incantevole imprevisto) ma ho deciso di darle una possibilità con questo suo secondo romanzo: "Una dolce ostilità" edito Garzanti.




Kim ha una sola certezza: odia Harry con tutta sé stessa. Eppure è costretta ad averlo sempre tra i piedi, a vederlo ogni giorno girare per casa. Perché è il migliore amico di sua sorella. La sua famiglia lo adora, ma Kim non riesce a fidarsi di lui. Non hanno nulla in comune. Harry si occupa di finanza e la carriera sembra essere il suo unico obiettivo, mentre lei fa volontariato e lavora per un ente no profit. Sono l'uno l'opposto dell'altro e non fanno altro che discutere.
Fino a quando il destino non li unisce oltre la loro volontà: devono prendersi cura insieme del nipotino di Kim. E da allora tutto cambia. Giorno dopo giorno, la ragazza scopre che Harry ha sempre indossato una corazza per nascondere il suo animo ferito. Scopre che è stato costretto a crescere troppo in fretta. E nel profondo dei suoi occhi all'improvviso intravede qualcosa che non può dimenticare. Ma a cui non riesce a credere. Non è facile per lei accettare che Harry possa essere una persona diversa. Troppa ostilità ha diviso i loro cuori per tanto tempo. Eppure nel profondo di sé stessa sente che quell'odio forse non è nient'altro che una forma di amore. Ci vuole solo coraggio. Perché a volte per trovare l'anima gemella bisogna cercare proprio lì dove meno ci si aspetta.

***


Per concludere una gradita sorpresa da parte del Club dei Lettori di Newton Compton: "Gli occhi neri di Susan" di Heaberlin Julia.

Tessa Cartwright, sedici anni, viene ritrovata in un campo del Texas, sepolta da un mucchio di ossa, priva di memoria. La ragazza è sopravvissuta per miracolo a uno spietato serial killer che ha ucciso tutte le altre sue giovani vittime per poi lasciarle in una fossa comune su cui crescono delle margherite gialle. Grazie alla testimonianza di Tessa, però, il presunto colpevole finisce nel braccio della morte. A quasi vent’anni di distanza da quella terrificante esperienza, Tessa è diventata un’artista e una mamma single. Una fredda mattina di febbraio nota nel suo giardino, proprio davanti alla finestra della camera da letto, una margherita gialla, che sembra piantata di recente. Sconvolta da ciò che evoca quel fiore, Tessa si chiede come sia possibile che il suo torturatore, ancora in carcere in attesa di essere giustiziato, possa averle lasciato un indizio così esplicito. E se avesse fatto condannare un innocente? L’unico modo per scoprirlo è scavare nei suoi dolorosi ricordi e arrivare finalmente a mettere a fuoco le uniche immagini, nascoste per tanti anni nelle pieghe della memoria, che potranno riportare a galla la verità…



Le mie news per il momento terminano qui, c'è qualcosa che vi incuriosisce e che leggereste anche voi? Fatemi sapere quali sono stati i vostri ultimi acquisti ;)

10 commenti:

  1. Ciao Sara :) Devo dire che "Gli occhi neri di Susan" mi sembra il più interessante :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa!! Questo titolo incuriosisce molto anche me :) Speriamo non sia una delusione!

      Elimina
  2. Gli occhi neri di Susan incuriosisce anche me. Anche se dalla copertina non sembra un thriller :)
    Di Vertigine proprio oggi ho letto una recensione negativa, ma spero che a te possa piacere ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io appena ho visto "Gli occhi neri di Susan" pensavo si trattasse di un erotico/romance (anche il titolo lo lascia credere)... meglio così comunque!!
      Su "Vertigine" sono titubante anch'io, ho letto un bel pò di pareri negativi! Speriamo bene ;)

      Elimina
  3. Gli occhi neri di Susan! La recensione di mr Ink mi ha convinta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, anch'io ero titubante prima di leggere la sua recensione! :)

      Elimina
  4. Anch'io per "Gli occhi neri di Susan", guardando la copertina avevo pensato fosse tutt'altro genere :) Sono molto curiosa di leggerlo, è una new entry anche nella mia libreria . . .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Odio la copertina ogni volta che lo riprendo in mano :) ma la storia mi sta coinvolgendo moltissimo!

      Elimina
  5. Gli occhi neri di susan!! Com'è? Speriamo non sia deludente, ho letto tante opinioni positive! Anche Vertigine mi ispira un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono a circa metà libro e per ora mi sentirei di consigliartelo, spero non mi deluda nel finale! :)

      Elimina