martedì 8 marzo 2016

Anticipazione e recensione: "Perfect. La perfezione di un attimo" di Alison G. Bailey

Buon pomeriggio ragazzi, come procedono le vostre letture?
Io con i miei soliti alti e bassi sono comunque riuscita a portare a termine qualche lettura interessante questo mese. Oggi voglio appunto parlarvi di una di queste: "Perfect. La perfezione di un attimo" di Alison G. Bailey, disponibile in tutte le librerie da oggi, 8 marzo (ne approfitto per fare gli auguri a tutte le Donne)! 

Titolo: Perfect. La perfezione di un attimo
Autore: Alison G. Bailey
Editore: DeAgostini
Prezzo copertina: € 14.90
Pagine: 391
Data pubblicazione: 08 marzo 2016

Trama:
Può la vera felicità durare più di un attimo? È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l’amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all’illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre.
Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e… amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare.
Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera.
Uno straordinario fenomeno del web, bestseller di Amazon. Commovente come Colpa delle stelle, sexy come After.



Recensione
Avvicinarsi a questo titolo non è stato semplice per me perché in genere, i titoli che come After sono sulla bocca di tutti (spesso di chi acquista il libro solo perché va di moda) non fanno per me. Mi "spaventano" perché spesso i miei gusti viaggiano paralleli alle mode e quindi mi ritrovo sempre a giudicare il libro con poca oggettività e questo non è corretto. After e tutti i titoli simili, ho quindi preferito non leggerli. Con Perfect invece ho deciso di rischiare: leggere "sexy come After" nella sinossi mi ha messo in allarme, "commovente come Colpa delle stelle" mi ha convinta a dargli una possibilità.
L'ho iniziato venerdì sera a letto ed ho continuato a leggerlo pagina dopo pagina sempre più assorta nella storia, che di per sé non ha niente di eccezionalmente originale o coinvolgente, ma mi ha tenuta sveglia fino alle 4 per finirlo. Mi sono ritrovata di fronte a due protagonisti adolescenti, Amanda e Noah, amici praticamente dal giorno della loro nascita che si ritrovano all'improvviso a fare i conti con un corpo e dei sentimenti che non conoscono. 
La scrittrice Alison G. Bailey ha scelto una strada complicata perché ha deciso di narrare un periodo molto ampio: conosciamo Amanda e Noah da piccoli, li seguiamo nei giochi infantili, li accompagniamo nelle difficoltà adolescenziali e cresciamo insieme a loro. Nel libro scorrono tante scene, come un film mandato avanti a velocità x8: nuove amicizie, lutti familiari, balli di fine anno, malattie, sbornie, baci rubati, lacrime versate, ecc...
In tutto ciò, sullo sfondo di ogni avvenimento e punto focale del romanzo: il rapporto tra Amanda e Noah. Migliori amici che provano l'uno per l'altro un affetto profondo e sincero ma la linea tra un'amicizia così forte e l'amore, è veramente molto sottile e per rompere l'equilibrio basta un attimo.
In fondo la vita è fatta di attimi: basta un attimo per cambiare il corso del destino, un attimo per perdere una persona, un solo attimo per conquistare la propria anima gemella... 
Tra Amanda e Noah però, l'attimo giusto sembra non arrivare mai: nel libro infatti si allontanano e si riavvicinano un milione di volte (scelta che ad un certo punto della storia diventa anche abbastanza fastidiosa, diciamo che eliminando tre o quattro allontanamenti il libro avrebbe avuto una cinquantina di pagine in meno e sarebbe stato anche più piacevole). 
Nonostante i difetti sparsi qua e là, la storia scorre via davvero molto velocemente perché lo stile narrativo dell'autrice è molto semplice e fluido. 
La parte finale del libro è intensa perché lascia da parte la leggerezza dei sentimenti appena sbocciati tra due adolescenti, per dar spazio ad un argomento difficile da raccontare. 
La protagonista Amanda, si ritrova a fare i conti con la vita che purtroppo riserva brutte sorprese ma soprattutto si ritrova a mettere in gioco tutto quello che le era sempre sembrato scontato. In fondo, quando ormai sembra tutto perduto non si ha più paura di perdere. Ed è in quel momento che Amanda trova la forza, il coraggio e la perfezione!


    

Per concludere, posso solo dirvi che il libro non è perfetto ma il finale è favoloso quindi dategli una possibilità!

9 commenti:

  1. Ti dirò, mi ispirava poco. Ultimamente, va così con la DeA, oh. Solo se capita... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco!! Solo se capita anch'io ;)

      Elimina
  2. Ultimamente questi libri mi sembrano tutti uguali. Sembrano fatti con lo stampino. Non mi ispira tanto. Comunque, bella recensione :) E' difficile rimanere oggettivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non ho notato tanti punti in comune con tutti gli altri in stile "After" perché non ho letto nemmeno uno... Diciamo che se letti sporadicamente, possono anche risultare "passabili"!!

      Elimina
  3. Ciao! I libri che hanno successo da wattpad sulla scia di After fanno paura anche me, non lo nego! Su questo sono molto indecisa, ma decisamente gli darò un'opportunità dopo la tua recensione =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una lettura scorrevole quindi se il genere non ti dispiace dagli un'opportunità!! Come dicevo nella recensione, non è perfetto ma non è male! ;)

      Elimina
  4. Concordo con chi mi ha preceduta, la tua recensione è come sempre esaustiva ma questo libro proprio non fa per me. Non amo molto seguire le tendenze..pensa che ancora devo leggere cinquanta sfumature di nero e rosso. Ho letto il grigio solo per poter vedere (oddio cavatemi gli occhi perché l'ho fatto!!!) il pessimo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono tenuta alla larga sia dai libri che dal film, le sfumature proprio non fanno per me! :P
      Perfect però non è dello stesso filone delle sfumature, anzi è molto delicato ma anche molto YA! Capisci cosa intendo vero? :)

      Elimina
  5. Concordo pienamente con te, per il finale vale la pena di leggerlo. E' molto riflessivo :)

    RispondiElimina