martedì 17 novembre 2015

Recensione: "Il dominio del fuoco" di Sabaa Tahir

Buongiorno ragazzi, 
come procede la vostra settimana? Cosa state leggendo di interessante?
Io con mia grande sorpresa sono riuscita a terminare più in fretta del previsto "Il domini del fuoco", dico con sorpresa perché avevo solo la copia digitale di questo libro e in genere gli ebook me li porto avanti per mesi. Questo è uno dei fattori che può farvi intuire che il libro mi è piaciuto davvero tanto e quindi non vedevo l'ora di parlarvene! ;)

Titolo: Il dominio del fuoco
Autore: Sabaa Tahir
Editore: Nord
Prezzo copertina: € 16.90
Pagine: 432

Trama:
C'è stato un tempo in cui la sua terra era ricca di arte e di cultura. Laia non può ricordarsene, eppure ha sentito spesso i racconti su come fosse la vita prima che l'Impero trasformasse il mondo in un luogo grigio e dominato dalla tirannia, dove la scrittura è proibita e in cui una parola di troppo può significare la morte. Laia lo sa fin troppo bene, perché i suoi genitori sono caduti vittima di quel regime oppressivo. Da allora, lei ha imparato a tenere segreto l’amore per i libri, a non protestare, a non lamentarsi. Ma la sua esistenza cambia quando suo fratello Darin viene arrestato con l’accusa di tradimento. Per lui, Laia è disposta a tutto, anche a chiedere aiuto ai ribelli, che le propongono un accordo molto pericoloso: libereranno Darin, se lei diventerà una spia infiltrata nell'Accademia, la scuola in cui vengono formati i guerrieri dell'Impero… Da quattordici anni, Elias non conosce una realtà diversa da quella dell'Accademia. Quattordici anni di addestramento durissimo, durante i quali si è distinto per forza, coraggio e abilità. Elias è la promessa su cui l'Impero ripone le proprie speranze. Tuttavia, più aumenta la fiducia degli ufficiali nei suoi confronti, più lui vacilla, divorato dai dubbi. Vuole davvero diventare l'ingranaggio di un meccanismo spietato e senza scrupoli? Il giorno in cui conoscerà Laila, Elias troverà la risposta. E il suo destino sarà segnato.

Recensione
Un libro distopico con sfumature fantasy ed epiche, così mi veniva presentato "Il dominio del fuoco", primo capitolo della duologia nata dalla penna di Sabaa Tahir, ma cosa aspettarsi veramente? In America aveva già scalato tutte le classifiche, acclamato dai lettori e attesissimo in Italia. Io mi sono ritrovata tra le mani una copia digitale, formato che generalmente odio perché mi si stanca troppo la vista, ma che invece con questo romanzo mi sono ritrovata a divorare. Ho letto il romanzo tutto d'un fiato, a costo di perdere qualche altra diottria, pur di sapere di più sui due protagonisti: Elias e Laia. 

Due protagonisti e due POV, capitoli alternati tra l'umiltà e il coraggio della giovane schiava Laia e la forza e il dolore del guerriero Elias.
I due protagonisti vivono in una realtà dura e severa in cui tutti devono giurare fedeltà all'Imperatore e sottostare alle rigide leggi stabilite. 
Conosciamo Laia nel clima familiare e confortevole: vive con i nonni perché rimasta orfana da piccolina, aiuta il nonno a preparare intrugli curativi con le erbe e aiuta la nonna a fare e vendere le marmellate. Ama i libri e sa leggere anche se nell'Impero è stato vietato da tempo e... adora suo fratello Darin. La serenità descritta dura però veramente poche pagine perché la famiglia di Laia viene subito distrutta dalle "Maschere", i guerrieri più forti addestrati dall'Impero a Rupenera. I nonni vengono uccisi, Darin catturato e accusato di tradimento, Laia riesce a scappare. Ma come può una ragazzina impaurita e debole come Laia riuscire a salvare l'unico componente della sua famiglia rimasto vivo? Come può riuscire a farlo evadere di prigione senza essere uccisa a sua volta?
Laia si affida alle uniche persone che sarebbero disposte ad affrontare l'Impero: i ribelli che accettano di aiutarla ma, per farlo anche Laia deve esser disposta a correre dei rischi. Armata di un coraggio che non ha mai avuto prima, per Darin, accetta di diventare una spia infiltrata a Rupenera sotto le vesti di schiava. 

"La paura può essere un bene, Laia. Può tenerti in vita. Ma non permetterle di controllarti. Non permetterle di seminare dubbi dentro di te. Quando la paura prende il sopravvento, usa l'arma più potente, più indistruttibile che hai a disposizione: il tuo spirito. Il tuo cuore."

Rupenera è però un posto terribile, è la base di addestramento di tutti i guerrieri dell'Impero, è dove risiede anche Elias da quattordici anni. Lui è una macchina da guerra, il più agile e forte di Rupenera, la "Maschera" in cui tutti ripongono le speranze, uno dei quattro candidati al ruolo di Imperatore. Ma Elias vuole realmente essere una macchina da guerra? Vuole realmente sottostare alle leggi di un Impero avido e di ghiaccio? 
L'incontro con Laia non fa che aumentare i dubbi di Elias: lui vuole essere libero, lui vuole conservare la sua anima e non darla in mano ai meccanismi dell'Impero e degli Augure (esseri soprannaturali e immortali che governano a fianco dell'Imperatore).

"Esistono due tipi di sensi di colpa. Quello che rappresenta solo un fardello e quello che invece ti dà uno scopo. Fà che il senso di colpa alimenti il tuo agire. Fà che ti ricordi sempre chi vuoi essere. Traccia una linea nella tua mente. Non varcarla più. Tu hai un'anima. E' ferita, ma è ancora lì. Non permettere a nessuno di portartela via, Elias."

Con uno stile eccellente e molto scorrevole conosciamo i protagonisti in un modo profondo e intimo, ce li immaginiamo come se fossero lì davanti a noi e viviamo la storia attraverso le parole di Sabaa Tahir come se fosse un film, non lo vedi sul grande schermo ma ci sei immerso dentro e le ambientazioni, le battaglie, i protagonisti, si materializzano intorno al lettore e... in un attimo, dal divano davanti al caminetto ti ritrovi a Rupenera e speri di non uscirne più per conoscere fino alla fine il destino di Laia ed Elias. Ahimé, ci toccherà aspettare il secondo e ultimo capitolo della serie ed io personalmente non vedo l'ora.

14 commenti:

  1. Cavolo, tutti ne parlano benissimo e io non posso ancora averlo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che piacerebbe molto anche a te Giuseppe!! ;)

      Elimina
  2. Bellissima recensione ^.^ ne sento parlare benissimo ovunque e sarà sicuramente tra le mie prossime letture!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ancella!! Merita davvero di esser letto, è impossibile non innamorarsi dei personaggi di questo libro!! Fammi sapere cosa ne pensi quando lo leggerai ;)

      Elimina
  3. Ho scoperto ora grazie a te che si tratta di una duologia! Meglio così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in genere preferisco i libri autoconclusivi ma questa storia secondo me, sarebbe stata un pò stretta in un unico libro. Tu hai già letto questo primo capitolo Ile? (magari ho già letto la tua recensione ma ho la memoria corta :D)

      Elimina
  4. az.. ero indecisa.. i romanzi epici non so se sono il mio genere.. peroooooo' tu ne parli cosiì bene.....eeee Sara mannaggia mi metti in crisi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicurissima che te ne innamoreresti anche tu! ;P La sfumatura epica è così bene amalgamata a tutto il resto che non ci farai nemmeno caso, fidati! :*

      Elimina
  5. Ciao Sara! Sono riuscita finalmente a postare sul mio blog il commento al libro che avevo ricevuto da te in occasione della giornata del libro.... e passavo di qui per ringraziarti!
    (in ritardo mostruoso, lo so....)
    Un abbraccio e buone letture ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima che ti sia piaciuto!!! :)
      Un mega abbraccio :*

      Elimina
  6. Ciao! Sono una tua nuova lettrice, ho appena scoperto il tuo blog e mi piace moltissimo!
    Ho sentito parlare molto e benissimo di questo libro e non vedo l'ora di leggerlo =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Avid Reader, benvenuta, sono felice che il blog ti piaccia! :)
      Non so quale genere preferisci ma questo libro merita davvero di esser letto ;) Fammi sapere se deciderai di acquistarlo!

      Elimina
  7. Helloooo OuO
    Ma che bella recensione!
    Io ho adorato questo libro, davvero. L’ho amato con tutta me stessa. Dei protagonisti fantastici, soprattutto Elias che è adorabile, una trama avvincente coronata da una scrittura scorrevole e appassionante. Bello, bello, bello.
    Il finale leggermente sotto tono rispetto al libro, ma poco importa, in fondo.
    Sono rimasta particolarmente affascinata dal mondo delle maschere, bisogna dirlo ^^
    Se vuoi leggere il mio sclero-recensione clicca quiii c:
    Scusa per l’eventuale spam indesiderato!
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto con quanto entusiasmo ne parli, corro subito a leggere la tua recensione!! Arrivooooooooo :)

      Elimina