martedì 6 ottobre 2015

Recensione: "Il mio cuore cattivo" di Wulf Dorn

Posso finalmente tirare un sospiro di sollievo perché finalmente sono riuscita ad avvicinarmi ai thriller, devo ammettere che mi ci voleva proprio una storia intricata e avvolta dal mistero come quella custodita in "Il mio cuore cattivo" di Wulf Dorn. So che alcuni di voi lo hanno già letto quindi sono curiosa di sapere se la pensiamo allo stesso modo :)

Titolo: Il mio cuore cattivo
Autore: Wulf Dorn
Editore: Corbaccio
Prezzo copertina: € 14,90
Pagine: 352

Trama:
C’è un vuoto nella memoria di Dorothea. Quella sera voleva uscire a tutti i costi ma i suoi l’avevano costretta a fare la babysitter al fratello minore mentre loro erano a teatro. Ricorda che lui non ne voleva sapere di dormire e urlava come un pazzo. Ricorda una telefonata che l’aveva sconvolta, ricorda di aver perso la testa, e poi più niente. Più niente fino agli occhi sbarrati del fratellino, senza più vita. C’è un abisso in quel vuoto di memoria, un abisso che parole come «arresto cardiaco» non riescono a colmare. Perché la verità è che lei non sa cosa ha fatto in quel vuoto. Ma sa che sarebbe stata capace di tutto… Solo adesso, dopo mesi di ospedale psichiatrico, di terapie, di psicologi, ha raggiunto faticosamente un equilibrio precario. Ha cambiato casa, scuola, città: si aggrappa alla speranza di una vita normale. Ma una notte vede in giardino un ragazzo terrorizzato che le chiede aiuto e poi scompare senza lasciare traccia. E quando, dopo qualche giorno, Dorothea scopre l’identità del ragazzo e viene a sapere che in realtà lui si sarebbe suicidato prima del loro incontro, le sembra di impazzire di nuovo. I fantasmi del passato si uniscono a quelli del presente precipitandola in un incubo atroce in cui non capisce di chi si può fidare, e in cui la sua peggiore nemica potrebbe rivelarsi propri lei stessa…



Recensione
Il mio periodo lontana dai thriller è ufficialmente terminato, di tanto in tanto alle letture frivole, romantiche, fantasy, ecc.. devo necessariamente intervallare una storia carica di mistero, è più forte di me. "Il mio cuore cattivo" ha, se pur in parte, appagato il mio bisogno di suspense. 
Ho scelto questo romanzo un pò per istinto, come spesso mi succede con i thriller, ero attratta più dall'aspetto psicologico che la trama prometteva che dalle morti inspiegabili accennate, e devo ammettere che Wulf Dorn non mi ha delusa. Premetto che non avevo mai letto nulla di questo autore e che quindi non conoscevo il suo stile, ma il nostro primo appuntamento non è stato niente male. :)

Protagonista di questo thriller non troppo crudo tanto da essere adatto, secondo me, anche ad un pubblico più giovane, è Dorothea: teenager, voce narrante del libro, considerata da tutti una pazza. Doro non ha vissuto bene la perdita del fratellino, è stata la prima a trovarlo privo di vita nella sua culla dopo una notte in cui era lei a doversene occupare. Di quella notte però lei non ricorda nulla se non le urla incessanti del fratellino minore e una telefonata che l'ha fatta molto innervosire. Poi il vuoto. E' da quella triste mattina che Dorothea non riesce più a vivere serenamente la sua vita, ha continui attacchi di panico e insistenti allucinazioni, nemmeno il periodo trascorso nella clinica psichiatrica sembra averla guarita. L'unica soluzione che la madre riesce ad escogitare è portarla via da quella realtà, farla allontanare dalla città in cui ormai Doro viene considerata pazza. Si trasferiscono, solo Dorothea e sua madre, in una nuova città, in una nuova casa, di fronte al nuovo psicologo di Doro, per permetterle di elaborare il lutto e liberarsi una volta per tutte delle allucinazioni. Ma quel trasferimento è solo l'inizio di una nuova avventura assurda e molto complicata perché Doro, durante un brutto temporale, si ritrova di fronte un ragazzo che implora il suo aiuto. Ma come può aiutarlo se non riesce a sapere dove si nasconde? Come può chiedere aiuto alla polizia se nessuno le crede? Come può far capire a tutti che quel ragazzo non è il frutto della sua pazzia soprattutto se, a detta di tutti, quel ragazzo si era suicidato poco prima del suo arrivo in città?

La storia scorre via molto velocemente e il finale lascia di stucco, devo confessare che ero convinta di aver capito tutto poco dopo la metà del libro ma.. ho preso un granchio clamoroso. Lo scrittore Wulf Dorn riesce a tener alta la tensione fino agli ultimi capitoli in cui finalmente fa combaciare tutti i pezzi del suo puzzle e ci regala il colpo di scena finale, un pò triste ma di grande impatto. 
All'inizio della recensione ho scritto che, "Il mio cuore cattivo" ha appagato solo in parte la mia voglia di suspense.. in parte perché mi aspettavo qualcosa di più intenso, di più complesso, diciamo che mi aspettavo un thriller psicologico per adulti ed invece, se pur scritto benissimo, rimane pur sempre una storia molto elementare e giovanile. Nonostante ciò, è stata una lettura molto piacevole che mi sento comunque di consigliare, solo non avvicinatevi con le mie stesse aspettative altrimenti potreste non sentirvi pienamente appagati!

***
Attendo curiosa i vostri pareri, a voi è piaciuto? 

13 commenti:

  1. Spero di leggerlo.
    Durn mi piace - ho apprezzato in passato Follia Profonda e La Psichiatra - e vorrei incrociarlo di nuovo, prima o poi. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io voglio recuperare "La psichiatra", mi incuriosisce moltissimo! ;)

      Elimina
  2. I colpi di scena sono pane per i miei denti! Recensione convincente, non ho mai letto nulla di Dorn, devo rimediare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che lo stile di Dorn piacerà anche a te!! Fammi sapere se decidi di leggere qualcosa di suo :*

      Elimina
  3. io ho letto La psichiatra e mi era piaciuto, anche questo è in WL e credo che lo leggerò, Dorn è un bravo thrillerista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo assolutamente acquistare "La psichiatra", la trama mi incuriosisce molto e se ho anche l'approvazione da parte tua e da parte di Mr Ink, non posso farmelo sfuggire :)

      Elimina
  4. Mi incuriosisce, anche se probabilmente leggerò prima La psichiatra che giace in libreria da molto tempo! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'avete praticamente tutti "La psichiatra" :D manco solo io!! Mi state facendo venir voglia di andare adesso stesso su Amazon ad acquistarlo :P

      Elimina
  5. io ho ancora la psichiatra da leggere...mi ispira un sacco è li che mi guarda.. mi sa che stasera lo acchiappo..XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acchiappalo dai, così mi confermi se devo acquistarlo o no! :P

      Elimina
  6. Quanto è bello, per un lettore, quando uno è convinto di aver capito già la soluzione di un mistero, e poi invece si scopre che... assolutamente no?! Per me è una delle gioie più grandi! *___*
    Ci rimango così male quando riesco a indovinare le cose in anticipo! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco!! Io odio quando, soprattutto nei thriller, la storia diventa banale e scontata... è un pò come quando qualcuno ti spiffera il finale del film che stai guardando!!! Per fortuna con questo libro non è successo! :)

      Elimina
  7. Di Dorn ho letto solo La Psichiatra e ne conservo un buon ricordo (non ci sono questi grandi slanci letterari ma, in fondo, a un thriller chiedo poco: una trama ben architettata, personaggi ben caratterizzati e una buona scrittura). La cosa che mi frena di Il mio cuore cattivo è questo suo essere/sembrare un thriller per ragazzi... :/ magari ci penso un po' su...

    RispondiElimina