martedì 15 settembre 2015

Recensione: "Tu sei mia" di Elizabeth Anthony

Buon pomeriggio a tutti!
In questi giorni sto leggendo tantissimo ma non sono riuscita a trovare il tempo per postare le mie recensioni. Oggi riesco finalmente a ritagliarmi un angolino di tempo e ne approfitto subito per parlarvi di un libro che assolutamente non rientra tra i miei generi preferiti: "Tu sei mia" di Elizabeth Anthony, primo capitolo di una serie erotica edita Garzanti.

Titolo: Tu sei mia
Autore: Elizabeth Anthony
Editore: Garzanti
Prezzo copertina: € 14,90
Pagine: 256

Trama:
Oxfordshire. 1920. Il sole non sorge ancora e Sophie è già a lavoro per far risplendere le immense sale di Belfield Hall. Ciuffi ribelli color miele scivolano dalla cuffietta bianca sul viso stanco. Ha sedici anni ed è la più giovane cameriera del palazzo. Per il resto della servitù è come se non esistesse, tutti si rivolgono a lei solo per darle ordini. C’è un unico momento in cui Sophie si sente felice: quando il grammofono suona e lei comincia a danzare. Fino al giorno in cui il suo sguardo incrocia due occhi azzurri ai quali non è possibile sfuggire, capaci di portare un po’ di luce nelle buie stanze dell’antica dimora. Appartengono a Mr Maldon, il nuovo padrone di Belfield Hall. Un uomo forte e deciso che non ha interesse per nessuno al di fuori di sé stesso. Ma basta un breve incontro tra loro e qualcosa di potente e sconosciuto li travolge. Entrambi sanno che ciò che hanno provato in quell’istante non può esistere: lui è un duca, lei una donna della servitù. Eppure ci sono tentazioni contro cui è vano combattere. Sophie non ha altra scelta che lasciarsi sedurre da quell’uomo, dal suo animo tormentato e misterioso. Perché Mr Maldon non riesce a resistere al suo fascino puro e ingenuo, ma nasconde desideri inconfessati.




Recensione
Credo, anzi sono convinta che, considerando il fatto che ho ampiamente superato il blocco del lettore, posso anche terminare il mio esperimento che mi imponeva di non  leggere fantasy e thriller (che sono i miei generi letterari preferiti) per scoprire e conoscere tutti gli altri generi che ho sempre snobbato perché questo esperimento si sta rivelando sempre più complicato.
Questa volta mi sono cimentata con una serie erotica di cui al momento in Italia sono stati pubblicati solo i primi due volumi (Tu sei mia - Tu sei il mio desiderio). Garzanti mi ha omaggiata del secondo volume della serie ed io ho pensato bene di iniziare la serie dall'inizio.
Ora, pur non essendo stata una lettura proprio tragica o estremamente "scandalosa", non posso dire neanche che sia stata di mio gradimento.
La storia è ambientata nel 1920 e il periodo storico così come le ambientazioni sono descritte sufficientemente bene dall'autrice Elizabeth Anthony ma non posso dire altrettanto dei personaggi. Protagonista di questa storia è Sophie, una ragazzina di poco più di 13 anni che rimasta sola al mondo chiede aiuto all'unico uomo che per strada sembra aver notato lei e la madre in fin di vita. Quest'uomo, uscito dal nulla, ricco e maturo, che si fa chiamare Mr Maldon raccomanda la giovane Sophie per farle avere un posto come sguattera nella dimora di Belfield Hall. Lì Sophie trascorre il resto della sua adolescenza, lavorando fino a scorticarsi le mani, senza famiglia e senza veri amici, conservando nel cuore il ricordo dell'unico uomo che l'ha aiutata. Per uno strano gioco del destino (troppo strano direi) Mr Maldon eredita il titolo nobiliare e Sophie, ormai diciassettenne, ha la possibilità di ritrovarsi di fronte quell'uomo di cui si era segretamente innamorata.
Da qui in poi, se ci aggiungiamo anche la figura della nobildonna Beatrice che seduce la povera Sophie facendola diventare sua amante solo per avvicinare il nuovo Duca, non c'è altro che sesso. Un tira e molla continuo tra Sophie, che trova il coraggio di abbandonare Bielfield Hall per inseguire il suo sogno di ballare in teatro, e Mr Maldon (duca dal corpo pieno di cicatrici e dal passato doloroso).
Oltre gli amplessi sessuali tra i due? Nulla! E quando speravo che almeno nel passato del tenebroso Duca si nascondesse qualcosa di interessante... cosa mi ritrovo? altro sesso, ovvio!
Ricapitolando: bel periodo storico, ambientazioni non male, lo stile dell'autrice è gradevole, i personaggi non hanno un cervello ma solo un corpo e le descrizioni delle scene di sesso sono parecchio dettagliate. 
So che in tanti l'hanno paragonato alle famose "Sfumature" che io però non ho letto, quindi se vi piace il genere date una possibilità anche a questa serie, altrimenti lasciate perdere.. non fa per voi come non fa per me!

10 commenti:

  1. Quando uscì mi aveva attratta per la trama abbastanza nelle mie corde (ambientazione storica e passione), poi ho letto molte recensioni che ne evidenziavano gli stessi difetti che hai evidenziato tu. Sinceramente mi sono un po' stufata delle solite solfe: lui segnato da un passato drammatico e sesso sesso sesso :( Dunque per adesso ho deciso di metterci una pietra sopra e non recuperarlo :) Aspetto il tuo parere per il secondo volume :) Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che in "Tu sei il mio desiderio" sia dedicata un pò più attenzione alla personalità dei personaggi ma devo confessarti che, al momento, ho poca voglia di avventurarmi nella lettura del secondo volume :)

      Elimina
  2. Lascio perdere, lascio perdere. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, a te proprio non piacerebbe Mik ;)

      Elimina
  3. mi sa che bypasso anche se mi attirava per l'ambientazione :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ambientazione infatti è una delle cose gradevoli del libro ed è descritta anche abbastanza bene. Se lo si prende con lo giusto spirito, consapevoli del genere letterario a cui appartiene, potrebbe anche risultare piacevole ;)

      Elimina
  4. Sta spopolando ancora questo genere? Io mi sto stufando.. e devo ancora terminare la serie delle sfumature!ò.ò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto sembra, al contrario di noi, ai lettori questo genere non dispiace affatto, ci basta guardare il successo ottenuto dalle sfumature per capirlo. A te come va con la lettura di quella serie?

      Elimina
    2. mi sono fermata al primo!aahah... no dai penso che a breve lo riprenderò in mano!

      Elimina
    3. No Saya, leggi prima Bunker Diary, merita sicuramente di più :P

      Elimina