martedì 1 settembre 2015

Recensione: “So che ci sei” di Elisa Gioia

In questi mesi le mie letture hanno ripreso il vecchio ritmo quindi per non arretrarmi troppo, voglio parlarvi subito di una delle mie ultime letture: "So che ci sei" di Elisa Gioia. Voi l'avete letto?

Titolo: So che ci sei
Autore: Elisa Gioia
Editore: Piemme
Prezzo copertina: € 18,50
Pagine: 406
Acquistalo da Amazon: So che ci sei

Trama:
C’è qualcosa di peggio che essere tradita e mollata dal ragazzo con cui pensavi di passare tutta la vita. Ed è vederlo online su WhatsApp, per tutta la notte, e sapere che non sta scrivendo a te, non sta pensando a te, ma a qualcun altro.
È proprio quello che capita a Gioia al suo ritorno da Londra, dopo aver passato mesi facendo di tutto per tornare da Matteo, cantante di un gruppo rock che sembrava irraggiungibile e invece quattro anni prima era diventato il suo ragazzo. Peccato che ad aspettarla all’aeroporto, al posto di Matteo, ci sia il padre di Gioia, l’aria affranta e un foglio A4 tra le mani, con la magra e codarda spiegazione del ragazzo che non ha neanche avuto il coraggio di lasciarla guardandola negli occhi.
Dopo mesi di clausura, chili di gelato e un rapporto privilegiatissimo col suo piumone, però, Gioia si fa convincere a passare un weekend con le sue migliori amiche a Barcellona. Non c’è niente di meglio di un viaggio, qualche serata alcolica e un po’ di chiacchiere tra donne per riparare un cuore infranto.
Se poi a questo si aggiunge un incontro del tutto inaspettato con un uomo che pare spuntato direttamente dalla copertina di un magazine di successo, la possibilità di ricominciare pare ancora più vicina.
E, soprattutto, la consapevolezza che l’amore vero non ha bisogno di “ultimi accessi” di status o faccine sorridenti. È tutto da vivere, là fuori, a telefoni rigorosamente spenti.




Recensione
Mi ci sono avvicinata per gioco e per sperimentare ma se continuo così rischio di affezionarmi ai romance e giuro che non l'avrei mai detto.
Ho scoperto che questo genere letterario riesce a farmi staccare la spina dalla routine quotidiana, i romanzi di questo genere si leggono rapidamente e mi regalano un bel po' di sensazioni positive, il che non guasta mai.
Attratta più dalla copertina che dalla trama, tra i tanti romanzi rosa che popolano le librerie in questo periodo, ho scelto di scoprire Elisa Gioia. Spulciando nel web ho scoperto che la giovane autrice aveva già auto-pubblicato il suo romanzo “So che ci sei” nel 2014 ma io onestamente non ci avevo fatto caso, l'ho notato solo grazie alla nuova edizione edita Piemme.
L'aspetto grafico è molto carino e la cover mi è piaciuta subito anche se devo ammettere, considerando che in copertina viene sottolineato molto l'aspetto “amore ai tempi di whatsapp”, mi aspettavo di trovare un riscontro anche nella storia ma non è stato così a parte per un piccolo accenno nelle primissime pagine. Ed è proprio dalle primissime pagine che iniziamo a conoscere a fondo la protagonista, Gioia, che ha proprio la mania di controllare continuamente l'ultimo collegamento su whatsapp del suo fidanzato... o meglio, del suo ex fidanzato. Marco, il ragazzo con cui ha vissuto una bella storia d'amore per 4 anni, l'ha scaricata per un'altra comunicandole il tutto su un patetico foglio A4. 
Nei primi capitoli del romanzo ci ritroviamo infatti una protagonista depressa, trascurata e inconsolabile anche dalla sua vulcanica amica Bea che pur di farle tornare il sorriso le organizza una bella vacanza tra donne: Gioia, Bea, Ludovica e Melissa. Un quartetto simpatico e dall'allegria contagiosa che a Barcellona da il meglio di sé esibendosi in karaoke imbarazzanti e in balli scatenati. Per Gioia quel viaggio è importantissimo, è la sua unica possibilità di lasciarsi il passato alle spalle, l'unica opportunità per provare a dimenticare Marco. Secondo voi profondi occhi castani, un sorriso carismatico, un fisico perfetto, un cuore ferito ma romantico e uno stile affascinante e sempre impeccabile, possono bastare a Gioia per dimenticare Marco?
Gioia lo chiama “Mister Copertina”, il suo nome in realtà è Christian Kelly ed è il proprietario di un'importante casa discografica.
Il triangolo amoroso in questi romanzi è inevitabile ma il modo in cui ha costruito la storia Elisa Gioia a me è piaciuto molto: il suo stile è ironico e frizzante pur raccontando una storia estremamente romantica; tutti i personaggi, sia i principali che quelli secondari, sono veramente ben caratterizzati e il carattere e le frecciatine della protagonista mi hanno regalato davvero tanti sorrisi.
La storia non spicca sicuramente per la sua originalità ma si legge molto piacevolmente grazie al ritmo incalzante adottato dall'autrice. Sono un pò contrariata dal finale, su cui però non vi dico nulla per non rischiare di rovinarvi la sorpresa, ma nonostante il mio disappunto devo ammettere che l'autrice ha fatto un buon lavoro anche in questo caso, il finale è ben studiato ed è perfetto per permettere all'autrice di regalarci un secondo episodio della storia. 
Per concludere vi chiedo: avete voglia di un libro dall'alto spessore culturale? Lasciate stare questo tipo di romanzi, ma se invece vi va di leggere una bella storia romantica, divertente e leggera, “So che ci sei” non vi deluderà!!



4 commenti:

  1. ce l'ho sul comodino, aspetto un bel weekend tranquillo per iniziarlo!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che ti piacerà, è un libro che si legge in pochissimo tempo ;)

      Elimina
  2. Fortuna che le tue vanno bene! Le mie invece fanno molto a rilento, colpa di the vampire diaries e del libro che sto leggendo che non mi coinvolge completamente :\
    Comunque So che ci sei ha attirato la mia attenzione sin da quando è uscito in libreria. Nemmeno io lo avevo notato prima, anzi, se devo essere onesta, non credo di averlo mai visto prima della pubblicazione con la Piemme! Sembra uno di quei rari romanzi rosa che potrebbe piacermi :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco Giusy, io mi sto riprendendo solo ora da un lungo periodo di blocco in cui per finire un libro ci mettevo mesi. Prova a cambiare genere, con me ha funzionato! ;)
      E' da una vita che voglio recuperare le puntate di Vampire Diares, prima o poi ce la farò! :P

      Elimina