martedì 9 giugno 2015

Recensione: "Antipodi" di Raffaele Napoli

Buon pomeriggio ragazzi,
dopo il primo temporale estivo qui da me fa un caldo afoso e così per non assopirmi davanti al pc ho deciso di parlarvi di un romanzo terminato in pochissimo tempo, un romanzo che mi ha sorpresa e ammaliata come non succedeva da tempo. Si tratta di "Antipodi" di Raffaele Napoli, trampolino di lancio per una nuova e molto interessante realtà editoriale: CasaSirio, collana "Sciamani".


Titolo: Antipodi
Autore: Raffaele Napoli
Editore: CasaSirio
Collana: Sciamani
Pagine: 232
Prezzo copertina: € 14,00

Trama: 
Puoi esistere in un mondo che sostiene il contrario?
Marco si risveglia nudo in un parco di Cadice. Non ha idea di come abbia fatto a finire lì, non ricorda nulla del giorno precedente e, cosa ancor più grave, sembra che l’intero mondo si sia dimenticato della sua esistenza. Nessuno più lo riconosce: non sua moglie, non sua madre. Nemmeno sua figlia ha idea di chi sia.
Quanto sei disposto a rischiare per essere felice?
Luca lavora in un hard discount, odia la sua vita e la donna che ama è sposata con un altro. L’unica cosa che lo fa andare avanti è una promessa fattagli da uno sciamano ora emigrato in Nuova Zelanda, una promessa sulla quale ha puntato tutto.
Due domande, due storie che si intrecciano e si condizionano. Due risposte che prima si mostrano e poi scompaiono, come se non fossero mai esistite. Due persone infine, che stanno agli Antipodi e che faranno di tutto per vivere la vita che hanno sempre desiderato.


Recensione:

"Può il battito delle ali di una farfalla in Brasile scatenare un tornado in Texas?"

Questa è la prima frase con cui ci si trova a fare i conti aprendo "Antipodi": la teoria dell'effetto farfalla che semplicemente ci spiega che il movimento delle ali di una farfalla rappresenta un piccolo cambiamento nel corso del sistema e che automaticamente provoca una catena di eventi che portano a fenomeni di scala sempre più vasta, quindi se la farfalla non avesse sbattuto le ali, la traiettoria del sistema sarebbe stata molto diversa. (cit. Wiki).
Ed è da qui che lo scrittore Raffaele Napoli prende spunto per creare la sua storia, la storia dei due protagonisti: Marco e Luca.


Due uomini che apparentemente non hanno nulla in comune e che in realtà non si conoscono neanche. Marco è un'imprenditore informatico che sa come gestire i suoi affari, ha una bella casa, una moglie bellissima e una dolce bambina di nome Giulia. 
Luca al contrario, dopo gli studi, l'unico posto di lavoro che è riuscito ad ottenere è in un supermarket, non ha una famiglia né tanto meno una ragazza, è timido e passa la maggior parte del suo tempo libero davanti al monitor del PC a sognare una vita felice con la donna che ama ma che sfortunatamente è già sposata con un altro.

Il destino, il fato o il caso (non so voi come preferite chiamarlo), ha fatto si che Luca avesse una sola ed irripetibile opportunità per appropriarsi della vita che aveva sempre desiderato. Per pura coincidenza, da ragazzino si è trovato al posto giusto nel momento giusto ed ha salvato la vita ad un uomo che dopo anni, per sdebitarsi, rivela a Luca la sua vera natura: lui è una sorta di sciamano, ha ereditato i poteri dalla sua famiglia, custodisce un pugnale con su incastonate delle pietre magiche ed  è in grado di intervenire e cambiare il destino altrui.

Voi cosa fareste se la vostra vita fosse grigia e deprimente? Cosa fareste se qualcuno vi garantisse che potete scegliere il vostro destino? Ma soprattutto quanto sareste disposti a rischiare pur di esser felici?

Il romanzo scorre via molto molto velocemente sia grazie alla storia lineare e interessante, sia grazie allo stile pulito e non troppo impegnativo di Raffaele Napoli. Le riflessioni sul destino già di per sé mi incuriosiscono se poi si aggiunge anche una sfumatura fantasy, la mia attenzione è completamente catturata. "Antipodi" è stato infatti un romanzo leggero, ma non eccessivamente da risultare banale, che mi ha tenuto compagnia per un paio di serate mantenendo viva la curiosità fino all'ultima pagina.
Non posso quindi che consigliarlo anche a voi e se non l'avete ancora fatto, dato un'occhiata a questa nuova casa editrice perché hanno in catalogo un pò di titoli che secondo me possono essere interessanti.

Buone letture a tutti! ;)

7 commenti:

  1. Letto e apprezzato anch'io. Il commento arriverà a breve :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto impaziente la tua recensione Michele! ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie a te per esser passato da qui! :)

      Elimina
    2. Leggo sempre le recensioni che mi riguardano. :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Te lo consiglio Federica, ti piacerà! ;)

      Elimina