martedì 25 febbraio 2014

Recensione: "La sciamana" di Annamaria Pezzimenti

Oggi voglio parlarvi di un romanzo che ho lasciato per molto tempo a prender polvere, probabilmente perché non mi convinceva appieno, ed invece ha saputo regalarmi delle piacevolissime ore di lettura. Si tratta di "La sciamana" di Annamaria Pezzimenti edito per Giovane Holden Editore.


Titolo: La sciamana
Autore: Annamaria Pezzimenti
Editore: Giovane Holden
Pagine: 216
Prezzo copertina: € 15,00


Trama:
Una donna, Angela, ritorna dopo vent'anni nella casa che abitava da bambina. Nel tentativo di parlare ai misteriosi vicini, che comunicano con gli altri solo attraverso un vecchio armadietto, si imbatte in una bizzarra anziana che la invita a entrare nella propria abitazione. Le offre un tè aromatizzato allo zenzero e, ignorando la reticenza di Angela, comincia a leggerle il futuro. Inizia per la protagonista un viaggio sospeso tra sogno e realtà. Tata Lia, così viene chiamata l'anziana, evoca in lei mondi arcani, volti sconosciuti ma intimamente legati al suo essere donna, oscure presenze che la trascinano nel sangue, nella disperazione, nella voglia di uccidere e di rinascere. Attraverso una sequenza di storie nella storia, scandita da quattro tempi superiori (quelli dell'Acqua, della Terra, dell'Aria e del Fuoco) si delinea così un vero e proprio percorso di iniziazione a una verità arcana, in grado di infonderle nuova forza per trovare il proprio posto nel mondo, nonostante le difficoltà e i sogni persi nel cammino. Incarnandosi in altre figure femminili, Angela vive ogni possibile bivio che la vita le impone, rafforzandosi a ogni scelta grazie al coraggio di elfi, streghe, vampiri e 'semplici' donne: ognuna capace di imporre al destino il proprio volere, forte della spada che col tempo ha saputo forgiarsi.

Recensione
Un romanzo insolito! E' così che definirei "La sciamana" se qualcuno mi chiedesse di descriverlo in una sola parola perché la storia di Annamaria Pezzimenti è stata strana, interessante, suggestiva, intensa... è stata tutto ciò che non mi aspettavo fosse. 
Lasciandomi trarre un pò in inganno dal titolo e da alcuni personaggi citati nella trama, mi aspettavo da questo romanzo una full immersion in una serie di mini racconti fantasy ed invece mi sbagliavo di grosso.
Niente cliché nel romanzo di Annamaria Pezzimenti, niente elfi, streghe, vampiri o sciamane che utilizzano la loro magia per salvare il mondo o ammaliare l'adone di turno, bensì Donne! 
Donne di diverse epoche, diversi ceti sociali, diverse caratteristiche fisiche, diversi problemi, ma accomunate dalla forza d'animo. Che siano esse figlie rinnegate di un Re e costrette a vivere fingendosi uomo , che siano esse creature del bosco dal quale assorbono forza vitale, che siano esse per metà vampire e per metà umane o che siano esse persone stanche di soccombere agli abusi... in ogni caso sono Donne che vivono, amano, piangono e lottano per quello in cui credono. Ognuna combatte a suo modo, chi con la spada, chi con i denti, chi con la magia, chi addirittura rinunciando alla vita stessa ma inseguono tutte un sogno, il proprio sogno, o meglio, il proprio posto nel mondo.
Ed è attraverso le storie di queste donne che Angela, la protagonista di questo breve romanzo, riesce a scoprire qual'è il suo posto nel mondo. Una protagonista di cui sappiamo veramente poco, ne leggiamo i pensieri solo nell'introduzione e nella parte finale del libro, ma è la Donna che compie questo viaggio onirico, questa ricerca di sé attraverso la vita di altre donne molto diverse eppure così vicine a lei.
Un romanzo frammentato in tante piccole parti che però nell'insieme diventa una bellissima storia che si legge con naturalezza. Le brevi storie narrate non sono niente di ché, sono tutte molto semplici e lineari, ma è il messaggio nascosto tra le righe a dare una marcia in più al romanzo, un messaggio che sicuramente avrà sfumature diverse per ogni lettore che lo saprà cogliere. 
Per concludere, mi sento di consigliare "La sciamana" a tutti coloro che hanno voglia di depurarsi un pò dai tanti fantasy uno uguale all'altro di cui le librerie sono piene, non aspettatevi il libro dell'anno, ma saprà regalarvi delle piacevolissime ore di lettura! 

***
Qualcuno di voi conosceva questo romanzo? Vi incuriosisce?

4 commenti:

  1. Non conoscevo questo libro, ma ti ringrazio per averlo recensito perché finirà dritto dritto nella mia WL! Sembra fatto per me ;)

    RispondiElimina
  2. Sono sicura che ti piacerà Mirial!! ;)

    RispondiElimina
  3. La ringrazio veramente molto per la delicata recensione che ha fatto al mio libro. Devo dire che ha colto veramente l'essenza di quello che alla fine è stato un primo esperimento letterario. Le invierò una copia del mio prossimo romanzo, quando sarà edito, così da avere ancora una volta, un suo gentile riscontro.
    Annamaria Pezzimenti, autrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scuso per non averle mai risposto Annamaria ma a volte qualche commento mi sfugge.
      E' passato più di un anno dalla lettura di questo romanzo ma ricordo ancora ogni dettaglio, davvero una piacevole lettura.
      Spero di leggere presto il suo nuovo romanzo! Grazie di cuore per essere passata a trovarmi. Un abbraccio.

      Elimina