lunedì 16 dicembre 2013

Recensione: "Per una volta nella vita" di Rainbow Rowell

Un fine settimana all'insegna della dolcezza grazie a "Per un volta nella vita" di Rainbow Rowell, disponibile in tutte le librerie da ottobre 2013, un romanzo pulito capace di regalare emozioni innocenti.


Titolo: Per una volta nella vita
Autore: Rainbow Rowell
Editore: Piemme
Pagine: 350
Prezzo copertina: € 15,50

Trama:
Eleanor è appena arrivata in città. La chioma riccia rosso fuoco e l’abbigliamento improbabile, ha lo sguardo basso di chi, in pasto al mondo, fa fatica a sopravvivere. Park ha tratti orientali che ha preso dalla madre coreana e veste sempre di nero. La musica è il suo rifugio per tenersi fuori dai guai. La loro storia inizia una mattina, sul bus che li porta a scuola. Park è immerso nella lettura dei suoi fumetti e perso tra le note degli Smiths, Eleanor si siede accanto a lui. Nessun altro le ha fatto posto, perché è nuova e parecchio strana. Il loro amore nasce dai silenzi, dagli sguardi lanciati appena l’altro è distratto. E li coglie alla sprovvista, perché nessuno dei due è abituato a essere il centro della vita di qualcuno. Tra insicurezze e paure, Eleanor e Park si scambiano il regalo più grande: amare quello che l’altro odia di sè, perché è esattamente ciò che lo rende speciale. Sarà la loro forza, perché anche se Eleanor non sopporta quegli sfigati di Romeo e Giulietta, anche il loro legame deve fare in conti con un bel po’ di ostacoli, primo fra tutti la famiglia di lei, dove il patrigno tiranneggia incontrastato. Riusciranno, per una volta nella vita, ad avere ciò che desiderano?



Recensione
Eleanor e Park... i loro nomi mi continuano a ronzare in testa, sono stata completamente travolta dalla loro silenziosa richiesta d'Amore, una richiesta così sussurrata eppure così intensa, una storia così delicata eppure così coinvolgente! 
"Per una volta nella vita" è sicuramente un romanzo per ragazzi, per gli adolescenti che hanno voglia di sognare, di emozionarsi, di immedesimarsi, ma pur essendo diretto ad una fascia di pubblico di cui non faccio più parte, posso affermare a gran voce che quest'anno, questo è stato l'unico libro che si è conquistato un posticino nel mio cuore.
L'autrice Rainbow Rowell ha deciso di raccontare una storia sincera, pulita e così semplice da sembrare familiare, al contrario dei due protagonisti che di semplice hanno ben poco. Park, è un ragazzo con origini coreane, taciturno, sempre vestito di nero e con una famiglia perfetta. Eleanor è invece una sedicenne dai capelli indomabili rossi, vestita in modo eccentrico, costretta a condividere la sua camera con altri 3 fratelli  e a sopportare in silenzio un patrigno violento.
L'autobus è l'unico filo conduttore tra questi due ragazzi così diversi, un piccolo gesto di gentilezza di Park che sottrae Eleanor alle grinfie dei suoi compagni sempre pronti a prender di mira chi non fa parte della massa che sia per qualche chilo di troppo o per un abbigliamento un pò strambo, è l'inizio di qualcosa che nessuno dei due giovani protagonisti avrebbe mai immaginato.
Con timidezza, paura ed emozione seguiamo l'evolversi di una storia nata dal nulla provando le stesse emozioni di Eleanor e Park. I primi sguardi furtivi, un sorriso accennato, qualche parola sussurrata e poi tante carezze rubate, baci impacciati, abbracci infiniti.
Due vite che fino a quel momento correvano su binari differenti si incrociano in un modo dolcissimo
regalando una delle storie d'Amore più belle mai lette. Mi correggo, uno degli innamoramenti più belli mai letti. In fondo è su quello che l'autrice ha puntato i riflettori, sul momento più bello di tutta una storia d'Amore: il momento in cui due cuori si avvicinano e iniziano a conoscersi, il momento in cui due anime iniziano a mescolarsi, il momento in cui due corpi iniziano a cercarsi... l'Innamoramento! Il momento in cui ci si sente più felici e speciali di sempre! E di sentirsi speciale la nostra protagonista Eleanor ne ha davvero un gran bisogno perché purtroppo la vita non ha mai riservato per lei grandi sorprese, sia in famiglia che nella vita sociale.
Forse quello di Rainbow Rowell non voleva solo essere il racconto di una storia d'amore tra adolescenti problematici piuttosto un appello per tutti coloro che smettono di credere in sé stessi, per chi si lascia sconfiggere dai giudizi di persone che non hanno nessun diritto di giudicare, per chi ha rinunciato all'Amore per paura di soffrire... tutti, in un modo o nell'altro siamo speciali e abbiamo il diritto di sognare, di ridere, di Amare!!! 


Cos'altro aggiungere? Correte ad acquistarlo!!!

***

Ne approfitto per ricordare che fino al 18 dicembre lasciando un commento QUI potete vincere una copia cartacea di "La bugia di Natale"!


5 commenti:

  1. L'ho ordinato, non vedo l'ora di leggerlo! *__*

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Dopo la tua recensione sono andata a colpo sicuro, sapevo già prima di iniziarlo che l'avrei adorato!

      Elimina
  3. Ooooh, sembra carino!! *___* Ci farò un pensierino, il tema mi intriga abbastanza! ;D

    RispondiElimina