lunedì 27 maggio 2013

Recensione: "Baci immortali" di Laini Taylor

Buongiorno ragazzi! Oggi voglio parlarvi di un libro pubblicato un bel pò di tempo fa ma che fino a questo momento era rimasto sullo scaffale della mia libreria a prender polvere: "Baci immortali" di Laini Taylor edito Piemme, un romanzo auto-conclusivo perfetto per trascorrere qualche ora di relax.

Titolo: Baci Immortali
Autore: Laini Taylor
Editore: Piemme
Pagine: 290
Prezzo copertina: € 14,50

Trama:
Kitty vorrebbe essere come le sue compagne di liceo più carine e disinibite. Vorrebbe sedersi sulle ginocchia del proprio ragazzo e baciarlo appassionatamente, in cortile, davanti a tutti. Kitty desidera, tanto, essere quello che non è. Ed è proprio dalle ragazze come Kitty, che sognano e desiderano senza fine, che i goblin sono più attratti.
In un tempo e in un luogo molto lontani, Anamique è vittima dalla nascita di una terribile maledizione: nessuno può ascoltare la sua voce incantevole senza perdere la vita all’istante. Nemmeno colui che le sfiorerà le labbra con il primo bacio.
Esme, infine, è in fuga da un’orda di creature da incubo, determinate a impadronirsi della sua anima. Quello che non sa è che ne porta già una dentro di sé. E che basta un bacio per risvegliarla dal suo lungo sonno.

Recensione
"Baci immortali" è il romanzo con cui Laini Taylor si è presentata ai lettori italiani ma non è il romanzo che l'ha fatta conoscere a me. Ho conosciuto il suo stile attraverso le pagine di una storia coinvolgente e molto emozionante: La chimera di Praga. Un romanzo che mi è entrato dritto nel cuore per l'originalità e il carisma dei personaggi e soprattutto, un romanzo che mi ha lasciato la voglia di leggere ancora e ancora le storie di questa autrice misteriosa e solare.
In questi giorni, con "La città di sabbia" mi sono finalmente potuta immergere di nuovo nell'atmosfera mitologica e suggestiva della trilogia "Daughter of Smoke & Bone", ma quel volume di poco più di 280 pagine era lì sullo scaffale a fissarmi e avevo resistito al suo fascino per troppo tempo. 
Mi è bastato leggere le prime righe di "Baci immortali" per sentirmi a casa, perché è questo che lo stile di Laini Taylor riesce a fare: semplice, coinvolgente e stuzzicante ti inebria di magia e ti fa perdere la cognizione del tempo.
Baci immortali è una raccolta di racconti, tre storie autoconclusive che si leggono in pochissime ore ma nonostante ciò, riescono comunque a lasciare il segno.
Tutte e tre incentrate sulla continua lotta tra bene e male, sulle fragilità umane e sulla forza dell'amore.

Kitty è la protagonista della prima storia, la più breve e la meno approfondita, che si ritrova a fare i conti con i suoi desideri e con le tentazioni con cui i goblin (esseri che si nutrono della vitalità delle giovani ragazze) cercano di adescarla. Saprà la giovane ragazza resistere ai frutti proibiti e alle labbra da baciare con cui i goblin cercano di tentarla?

Il secondo racconto, molto più approfondito, ci presenta una visione nuova degli Inferi, non più visti come il posto in cui le anime "cattive" vengono punite per i peccati commessi ma come una sorta di passaggio per tutte le anime che attraverso le fiamme vengono purificate per poi esser destinate ad un altro corpo. E' qui che nasce la maledizione di Anamique, la cui voce sarebbe stata letale per chiunque l'avesse ascoltata. Una vita di silenzio, paura, superstizione, giudizi e sentimento che dimostra quanto una persona innamorata sia disposta a fare per la persona che ama... anche attraversare le fiamme dell'inferno!

Ed infine il racconto che mi ha coinvolto di più, disponibile anche in e-book con il titolo "Il bacio di ghiaccio" a € 0,99, nel libro intitolato "La schiusa". Un racconto che prende ispirazione dalle leggende e dalla religione zoroastriana che ci regala un centinaio di pagine emozionanti e travolgenti. Una popolazione di "Druj", demoni, vive in una terra lontana dagli uomini ma è da essi che traggono la loro forza vitale: questi demoni immortali non possono provare emozioni e vivono impossessandosi del corpo degli uomini, trasformandosi in animali,  ma soprattutto cercando di ricordare le loro origini e andando a caccia di anime. Esmé incrocia la loro strada proprio per questo motivo anche se non sa che in realtà la sua vita, la sua anima, è da sempre legata a quelle terrificanti creature. 
Rinuncereste alle emozioni, all'anima, ai vostri ricordi, solo per vivere in eterno?

Per concludere posso solo dire che"Baci immortali" è un libro che, come ormai avrete intuito, mi sento di consigliare a tutti per trascorrere qualche ora di magia attraverso le parole della fantastica Laini Taylor!

Voi l'avete letto? Vi è piaciuto?

6 commenti:

  1. Lo voglio. Sempre voluto *-*

    RispondiElimina
  2. Devi assolutamente procurartelo Mik!! Non so se tu adori quanto me l'autrice ma questi racconti secondo me ti conquisterebbero!!!

    RispondiElimina
  3. A me i libri che comprendono vari racconti non fanno mai impazzire, ma lei la adoro assolutamente ;)

    RispondiElimina
  4. Nemmeno io sono una fan dei racconti perché non faccio in tempo ad affezionarmi ai protagonisti ma per Laini Taylor ho voluto fare uno strappo alla regola e i suoi protagonisti mi sono rimasti molto impressi, soprattutto Esmé e la Regina dei Druj! ;)

    RispondiElimina
  5. Non sono fan dei racconti ma questo libro mi incuriosisce soprattutto per l'autrice che ho adorato dopo aver letto la chimera di Praga! (prossima lettura: la città di sabbia xD)

    RispondiElimina
  6. @She wolf: Allora devi assolutamente leggerlo, nell' ultimo racconto si respira molto l'aria di La chimera di Praga e La città di sabbia... quest'ultino l'ho iniziato da poco ma non riesco più a farne a meno! ;)

    RispondiElimina