martedì 30 aprile 2013

New entry in my library (8)

Buongiorno ragazzi!
Oggi puntata speciale della rubrica "New entry in my library" perché voglio dedicarla interamente ai libri ricevuti direttamente dagli autori, quasi tutti esordienti. Approfitto della rubrica per ringraziarli tutti!


La prima autrice che voglio ringraziare e a cui faccio un grossissimo in bocca al lupo è Eleonora Della Gatta che ha esordito nel mondo della letteratura con un romanzo urban fantasy venato di horror: "Le guardiane della nebbia" edito il Ciliegio.



Dopo la tragica morte di sua madre, Flora Ellis, una normale e tranquilla diciassettenne, si trasferisce con il padre Bennett, originario di Londra, da Firenze alla piovosa cittadina di Keswick (Cumbria) in Inghilterra, dalla nonna Ruth. L’iniziale trauma del distacco dal proprio paese d’origine e dei grossi cambiamenti che questo comporta, porteranno Flora alla scoperta di un destino inimmaginabile che l’attende proprio a Keswick.
Con la complicità di Ruth, con la quale inizialmente stenterà ad andare d’accordo, e di un nutrito gruppo di personaggi complessi e bizzarri tra cui Bertha Foster e Amelia Hunt, le inseparabili amiche della nonna, Flora apprenderà con stupore la sua reale essenza, la spiegazione alle tante stranezze che la circondano, la risposta alle molteplici domande che da sempre l’affliggono. Dopo l’incontro con Carly e Annabel, due coetanee che condivideranno con Flora lo stesso destino, le nonne delle tre ragazze mostreranno loro tutti i segreti che attorniano la realtà e spiegheranno alle proprie nipoti l’origine del profondo vincolo che lega le tre anziane da oltre cinquant’anni.
Rivelazioni, colpi di scena, nemici spietati, lotte sanguinose in cui è la stessa vita ad essere in gioco… entrate nel mondo delle Guardiane, entrate in un universo che v’inghiottirà nelle sue viscere oscure.

Il secondo libro è un'auto-pubblicazione della gentilissima Gilda Lomonte, un romanzo che parla di vita, di esperienze, di destino: ""Parole, come formule magiche"

Nevica, mentre Irene, Dorotea, Matilde e Martina brindano alla persona che sono diventate, prima di incontrare uomini di un passato più o meno lontano che avrebbe potuto esserepresente e forse diventare futuro. Ma poche semplici parole hanno il potere di decidere della storia, come formule magiche che cambiano il corso degli eventi. Dipende da quando le pronuncia chi le pronuncia e da come reagisce chi le ascolta e potrebbe essere tutto e il contrario di tutto. Infinite combinazioni che creano sempre e comunque una vita. Ma cosa succederebbe, se quel fatidico istante si ripresentasse, azzerando il tempo? Come per magia…



Un horror con i fiocchi quello inviatomi dalla giovanissima Chiara Zaccardi che fa il suo esordio nel palinsesto letterario con la casa editrice Noubs, il libro in questione è "I peggiori"



Cles, California, USA. Una cittadina come tante altre nella provincia americana, con i molti vantaggi e svantaggi di vivere nel mezzo dell'opulenza statunitense.
Lì abita un gruppo di ragazzi diciassettenni che avrebbero tutto per emergere nella vita e invece si trovano confinati ai margini della società studentesca all'interno del loro liceo privato. Troppo turbolenti e ingestibili, non possono essere altro che "i peggiori" della scuola, soprattutto per disciplina. Meritano quindi le punizioni e i corsi serali rieducativi che sono costretti a seguire. In fin dei conti, loro stessi sanno che ciò che fanno è male, anche se si danno fin troppe giustificazioni personali.
Tuttavia, non si sarebbero mai aspettati che il Male, quello umano con la m maiuscola, facesse capolino nelle loro vite, scegliendoli e venendoli a trovare nella loro scuola, per sequestrarli e torturarli solo per soddisfare le proprie necessità, esattamente come facevano loro durante un'adolescenza partita col piede sbagliato. Come potranno uscirne vivi e, soprattutto, cosa potranno mai imparare da una simile esperienza, sempre che ci sia qualcosa da imparare?

Tre titoli interessanti e di generi diversi che aspettano già da un pò di essere letti non perché non mi incuriosiscono ma semplicemente perché sono tutti e tre in e-book ed io, che vivo ancora nella preistoria, non mi sono ancora attrezzata di e-reader quindi le letture digitali vanno molto a rilento... spero di poter gustare presto queste tre storie. Qualcuno di voi l'ha già letti? Vi incuriosiscono?
Un abbraccio a tutti e fatemi sapere cosa state leggendo in questo periodo! ;)

1 commento:

  1. il secondo è quello che mi incuriosisce di più!!! ^_^

    RispondiElimina