mercoledì 27 marzo 2013

Passione Cinema: recensione "Sinister"


Buongiorno ragazzi! La primavera sembra non voler proprio regalarci un pò di sole e così nell'ennesimo pomeriggio piovoso io ho scelto di rifugiarmi al cinema optando per un horror: "Sinister" di Scott Derrickson. Voi l'avete visto?


Devo ammettere che con "Sinister" non è stato un colpo di fulmine, diciamo che l'ho scelto semplicemente perché non c'era di meglio (Grandecinema 3 mette a disposizione solo 4 o 5 film tra cui scegliere). Sono infatti arrivata in sala completamente disinformata: non conoscevo gli attori, non avevo visto il trailer,
avevo
solo letto la trama e siccome non vedevo un horror al cinema da tantissimo tempo ho deciso di dare una chance al regista Scott Derrickson che ricordavo solo per la produzione di "L'esorcismo di Emily Rose" che non mi aveva particolarmente colpita.
Non mi sono pentita della scelta ma non è stato nemmeno il miglior film dell'anno!
"Sinister" ha tutte le carte in regola per regalare 110 minuti di brividi e sussulti, mescolando i tipici elementi horror ad alcune sfumature thriller che di certo non guastano. La storia inizia con il trasloco della famiglia di Ellison Oswalt, scrittore di thriller in cerca di successo che spera di trovare l'ispirazione per il suo nuovo romanzo attraverso i luoghi in cui sono realmente accaduti dei crimini. La smania di successo dello scrittore è così cieca da spingerlo ad acquistare la casa in cui un'intera famiglia è stata impiccata, solo la figlia più piccola sembra essersi salvata ma non è mai stata ritrovata.
Vivere in una casa in cui 4 persone hanno tragicamente perso la vita non è sicuramente una scelta saggia e Ellison (interpretato superbamente da Ethan Hawke) se ne rende conto molto in fretta. Ritrova infatti in soffitta un baule pieno di pellicole su cui è registrato il macabro assassinio avvenuto proprio in quella casa ma non solo, tutte le altre pellicole contengono omicidi: intere famiglie uccise da un assassino che aveva anche il tempo e il sadismo di imprimere tutto su pellicola, ma soprattutto un assassino che risparmiava solo il componente più piccolo della famiglia.
Il sogno di ogni scrittore! Tantissimo materiale per il suo romanzo, tanto materiale da approfondire! La ricerca di un semplice assassino seriale però diventa sempre più pericolosa, soprattutto quando si mescola all'occultismo. Ellison Oswalt andrà fino in fondo pur di scrivere il romanzo perfetto o sceglierà di proteggere la sua famiglia?
La trama non è niente male e grazie al giusto gioco di rumori e ombre il regista riesce a tenere la tensione molto alta. Sono un pò rimasta delusa dal finale, idea molto carina ma sviluppata un pò frettolosamente, mi aspettavo un pò più di approfondimento sul mandante degli omicidi, un'approfondimento sulla sua natura e sul destino dei sopravvissuti... insomma mi aspettavo un più di paura!
Ciò nonostante vi consiglio ugualmente il film perché in fin dei conti riesce a farti stare con il fiato sospeso e a regalarti un paio d'ore piacevoli!

***
Fatemi sapere se decidete di vederlo, sono curiosa di conoscere il vostro parere! Curiosa di sapere anche se vi piace il genere horror! 

8 commenti:

  1. Ci penserò!! :)
    Anche io sono secoli che non guardo un horror al cinema!! :)

    RispondiElimina
  2. Al cinema è sempre più suggestivo! Il prossimo sarà "Le streghe di Salem"!! :)

    RispondiElimina
  3. L'inizio l'ho trovato un po' lento, ma la scena finale è agghiacciante. Qualche salto sulla poltrona me l'ha fatto fare, e capita raramente ;)

    RispondiElimina
  4. Io mi sono rivista Case 39, non al cinema ovviamente ;) Questo qui proprio non mi incuriosiva, soprattutto per gli attori...ma sto cercando qualche film horror da guardare per cui ci farò un pensierino.

    RispondiElimina
  5. @Mr Ink: Hai ragione, all'inizio è decisamente lento. Che ne pensi invece del finale? Io sono rimasta con l'amaro in bocca.. non hanno approfondito nemmeno un pò il personaggio di Bughul:(

    @Elena: mi sembra di aver già visto Case 39 ma sinceramente non mi ricordo nemmeno la trama, dovrò rivederlo! Fammi sapere cosa ne pensi se decidi di vedere Sinister! :)

    RispondiElimina
  6. Mi è piaciuto, soprattutto per il finale, che secondo me invece è stata una delle trovate più carine del film! ^^ L'inizio infatti mi era parso un po' lento, e fra l'altro il ritmo complessivo veniva secondo me notevolmente appesantito anche dalla scemenza abissale del protagonista XD, che si comporta da ingenuo dieci volte sì e l'undicesima pure! :D Sono d'accordo con te nel consigliarlo: pur non essendo un capolavoro massimo dell'horror, di sicuro inquieta e si lascia guardare! ;D Uh, quasi dimenticavo: io adoro l'horror... tantissimo, e fin da quando avevo otto anni!! *__*

    RispondiElimina
  7. @Sophie: :D d'accordo con te sulla scemenza del protagonista ma del resto è tipico di tutti i protagonisti di film horror... ci sono strani rumori per la casa e dove vanno? ovviamente in cantina (in questo caso in soffitta) senza torcia! Io me ne scapperei direttamente a gambe levate!!! :D
    A me piacciono molto gli horror però quelli con gli spiriti asiatici mi terrorizzano!!!

    RispondiElimina
  8. La paura che mi ha messo questo film x.x

    RispondiElimina