mercoledì 6 marzo 2013

Passione Cinema: recensione "Beautiful Creatures. La sedicesima luna"

E' da tanto che desidero parlarvi della mia passione per il cinema, ebbene si, oltre a divorare libri non posso fare a meno di fare scorpacciate di film e telefilm. Colgo l'occasione per inaugurare questa mia nuova rubrica ora perché ho finalmente l'opportunità di andare al cinema una volta a settimana (grazie all'offerta Grande Cinema 3) e quindi inauguro questa prima puntata con un film che di sicuro non sta passando inosservato.


Il film in questione è "Beautiful Creatures. La sedicesima luna" tratto dall'omonimo libro di Kami Garcia e Margaret Stohl, portato sul grande schermo dal regista Richard LaGravenese.


Una pellicola da 132 minuti disponibile in tutte le sale italiane dal 21 febbraio 2013 che come afferma Paolo D'Agostini su La Repubblica annuncia un altro fenomeno fantasentimentale per adolescenti.
Premetto, prima di esprimere qualsiasi parere, che non ho letto la trilogia pur possedendo già i primi due capitoli, ma in questi anni ho letto così tante recensioni entusiaste che appena ho saputo della trasposizione cinematografica ed ho avuto la possibilità di andare al cinema, mi sono fiondata nella sala in cui veniva trasmesso questo film!
Mi sono accomodata sulla poltroncina blu senza nessun pregiudizio ma carica di speranza e aspettative che sono state deluse veramente dopo pochissimi minuti.
Il regista catapulta lo spettatore in una cittadina d'America decisamente antiquata e bigotta, lo stesso protagonista (che fa anche da voce fuori campo) afferma che il posto in cui vive sembra essere fuori dal tempo: i film trasmessi al cinema sono solo quelli che in tutto il resto del mondo sono già disponibili in dvd, tutti gli abitanti sono credenti e molto praticanti e nessuno legge i libri vietati che potrebbero sporcare l'anima. Capirete che in una città di questo tipo un individuo che non frequenta la Chiesa e vive isolato da tutti non può che essere considerato parente stretto di Satana. La protagonista, Lena, fa parte della famiglia evitata e temuta da tutta la cittadinanza e i pettegolezzi degli abitanti in questo caso sembrano essere del tutto fondati. La giovane ragazza, così come il resto della sua famiglia, possiede infatti degli straordinari poteri magici ed è a tutti gli effetti una strega. Ma con chi si schiererà una volta compiuti 16 anni? Sarà reclamata dalla luce o dalle tenebre? Il suo destino sembra essere tutto nelle mani di un'antichissima maledizione: sarà l'Amore a condurla verso le tenebre ma come sottrarsi ad un sentimento più forte di qualsiasi incantesimo? Un'ottima storia sfumata nelle mani di un regista che a parer mio non si è sprecato troppo a darle uno spessore. Ho avuto come la sensazione che considerando che il film è rivolto ad un pubblico giovane, considerando che è basato principalmente sull'amore e soprattutto considerando che è una storia fantasy (genere che sapete quanto adoro ma viene sottovalutato da molti), il regista abbia rivolto la sua attenzione solo agli sguardi adoranti e i sussurri d'amore. Carine le ambientazioni, molto di buon gusto i costumi e anche il cast aveva ottime potenzialità... ma i dialoghi? La profondità e l'originalità delle vicende? Sarò forse io a pretendere troppo ma, come ho anche scritto in un commento sul blog di Mr. Ink (la sua recensione è l'esatto contrario della mia), di questo film mi sono piaciute solo alcune battutine, i vestiti delle protagoniste e i pochi secondi in cui la giovane strega da un assaggio dei suoi poteri, per il resto non mi ha coinvolta emotivamente, non ha tenuto alta la mia attenzione, non mi ha lasciato nulla quindi... io non mi sento di consigliarvelo.


Vi lascio comunque il trailer che devo ammettere è stato montato con maestria (fa vedere i pezzi migliori di tutto il film)




Voi l'avete visto? Vi è piaciuto?

7 commenti:

  1. io non l'ho ancora visto... peccato che non ti sia piaciuto.
    forse si tende a impacchettare per bene questi generi per vendere un prodotto alle adolescenti che urlano e squittiscono nei cinema appena un bel faccino appare sullo schermo.
    come dici tu, se provassero a dare un pò più di spessore a questi film, verrebbero considerati sotto tutta un'altra luce.
    sai quale film sono stra-curiosa di vedere al cinema? "Il grande e potente Oz" ^^

    RispondiElimina
  2. ...dimenticavo... bella questa rubrica, brava Sara!

    RispondiElimina
  3. Ciao bella, so che a tanti questo film è piaciuto ma io proprio non sono riuscita a farmelo andare giù.. uscita dalla sala l'unica cosa che ho detto è stata "fortuna che non ho pagato un centesimo per vederlo"!!
    Il grande e potente Oz incuriosisce da matti anche me, dal trailer sembra ci siano delle ambientazioni stupende ma credo che darò la precedenza a Upside Down!

    Sono contenta che la rubrica ti piaccia! :)

    RispondiElimina
  4. Il produttore de "Il grande e potente Oz" è lo stesso che ha prodotto "Alice in Wonderland"... questa dovrebbe essere già una buona garanzia.
    Anche se a dire il vero "Alice in Wonderland" non mi è strapiaciuto, però ne ho apprezzato tantissimo le scenografie e tutta la parte in digitale, perfettamente in linea con il romanzo!

    RispondiElimina
  5. Oh, a me invece mi è abbastanza piaciuto!
    Ti consiglio comunque i libri! Quelli sono sicura che ti piaceranno di sicuro! Sono splendidi! :)

    RispondiElimina
  6. @Jaqueline: Si,si, seguirò il tuo consiglio perché la storia di base mi piace molto... appena possibile inizierò la serie cartacea!! :)

    RispondiElimina
  7. Non mi ispira più di tanto a dir il vero. Anche io avevo sentito del grande successo che ha avuto il romanzo cartaceo, e per questo mi aveva incuriosita. Ma a dir il vero, il trailer del film non mi ha emozionata più di tanto.
    Ed in fatti la tua recensione ha affermato ciò che pensavo.

    Grazie per la recensione! Sei bravissima a scrivere e a spiegare nei minimi dettagli.
    Un bacio.
    Roberta*

    Il giardino Segreto
    Facebook

    RispondiElimina