venerdì 22 febbraio 2013

Recensione: "Alice in Zombieland" di Gena Showalter

Esco vittoriosa da una settimana di influenza fastidiosa in cui ho avuto finalmente un pò di tempo libero da dedicare alla lettura. In questi giorni di riposo mi sono goduta "Alice in Zombieland" di Gena Showalter e devo ammettere che avevo proprio bisogno di un libro così!

Titolo: Alice in Zombieland
Autore: Gena Showalter
Editore: Harlequin Mondadori
Pagine: 404
Prezzo E-book: 6.99 €

Trama:
Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta... Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.

Recensione
Da quando tutti noi appassionati di young adult e paranormal abbiamo avvistato questo titolo e questa copertina tra le uscite americane, non abbiamo più smesso di desiderarlo. Dopo una lunga attesa finalmente la fantastica notizia che "Alice in Zombieland" stava per approdare anche in Italia ci è giunta da Harlequin Mondadori, entusiasmo alle stelle ma altrettante polemiche per la strana e incomprensibile scelta della casa editrice di pubblicare questo promettente romanzo solo in edizione digitale. 
"Alice in Zombieland", primo capitolo della serie The White Rabbit Chronicles, nonostante la discussa decisione della casa editrice, è comunque diventato il caso editoriale del momento conquistando il cuore di molti lettori... compreso il mio.

Gena Showalter, ha all'attivo moltissimi libri adult ma personalmente è un'autrice che fino ad ora non aveva mai suscitato la mia curiosità. "Alice in Zombieland" è il suo primo, riuscitissimo, esperimento young adult ed è sicuramente uno dei migliori romanzi del genere che io abbia letto. Con uno stile fresco, ironico e frizzante, Gena Showalter ha ripreso in mano la famosissima storia di  Lewis Carroll e l'ha tinta di mistero e azione. 
La giovane protagonista di Gena Showalter ha poco in comune con la tenera e indifesa Alice che si perde nelle stranezze del sottosuolo inseguendo il coniglio bianco, la protagonista di "Alice in Zombieland" è forte, carismatica e determinata. Determinata a rivendicare la morte della sua famiglia e a sconfiggere e a distruggere tutti quegli esseri abominevoli chiamati zombie che incontrerà nel suo cammino. Per farlo però ha bisogno di imparare a combatterli, deve conoscere tutte le tecniche per fronteggiare quelle creature incorporee che si cibano non solo del corpo ma anche dell'anima degli uomini, ma come combattere qualcosa che non puoi toccare? Come affondare la spada se la lama passa attraverso quei corpi decomposti come fossero fumo? A dare una risposta alla miriade di domande di Alice è Cole Holland, un'affascinante ragazzo dagli occhi viola e dal fisico perfetto che affiancherà Alice nella sua battaglia ma anche nella vita.
Romance, paranormal, action, horror, un mix di generi in un unico fantastico romanzo, una storia molto dark che però non risparmia al lettore grandi emozioni, qualche sorriso e anche qualche tenero sospiro. 
Dai protagonisti tutti a loro modo indimenticabili, all'originale storia; dai dialoghi tra sé e sé di Alice allo stile dettagliato e ironico dell'autrice; ho adorato ogni singola caratteristica di "Alice in Zombieland", non posso quindi fare altro che sperare che Through the Zombie Glass (secondo volume della serie previsto in America per settembre 2013) arrivi presto in Italia e consigliare a tutti di correre ad acquistarlo Alice in Zombieland!
Lasciatevi tentare anche voi dal coniglio bianco e seguitelo in libreria! :)

9 commenti:

  1. ahah non vedo l'ora esca in cartaceo! bellissima recensione!buon ritorno nel mondo dei vivi!^.^

    RispondiElimina
  2. Effettivamente forse è stata l'influenza a farmi sentire più vicina al romanzo, gironzolavo per casa molto in stile zombie ;)
    Tu l'hai già letto Saya?

    RispondiElimina
  3. Ho recensito anch'io proprio ieri il libro, e come te ne sono rimasta completamente stregata. L'ho amato tantissimo!

    RispondiElimina
  4. non ho mai amato la storia di Alice ma qui parliamo di tutt'altro genere!! sono rimasta solo io a non averlo letto perchè se è così bello desidero enormemente il cartaceo!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. @Alessia: Ho letto proprio ora la tua recensione e vedo che sei rimasta decisamente soddisfatta di questo libro! Visto che l'attesa per il secondo volume penso che mi butterò su altri romanzi a tema zombie!!! :)

    @Lara: Per il cartaceo è ancora in corso una petizione, se non hai ancora firmato ti lascio il link: http://www.petizionepubblica.it/?pi=P2013N34292
    Incrociamo le dita e speriamo ci ascoltino!!

    RispondiElimina
  6. Piaciuto molto anche a me! Ali è troppo simpatica e Cole... emh... lui "è"!

    RispondiElimina
  7. :) non dimemtichiamoci di Kat, ho adorato lei e la sua buffa storia d'amore!!!

    RispondiElimina
  8. Perché mi sono persa questa recensione?
    Ultimamente ho tempo solo per pubblicare qualche post nel mio blog e basta.
    Non ho neanche il tempo di andare a salutare le mie amiche blogger e così mi perdo bellissime recensione e quant'altro :(
    Ma non mi lamento più di tanto questa macanza di tempo è ben accetta, ma mi fa fare cattive figure del genere.
    Così ne approfitto di quei pochi momenti a disposizione per andare a curiosare a "casa" delle mie amiche blogger, come te Sara, e a vedere se la pensiamo ancora allo stesso modo su quei generi che solitamente ci accomunano.
    E a quanto vedo anche questa volta coincidono... Eccome!!!
    La penso esattamente come te su ogni cosa, un libro fantastico, una storia mozzafiato che non pecca di originalità e poi un'autrice unica e sensazionale...
    Ok!!! Finisco qua, già sono stata al quanto logorroica.

    Ciao Sara ti auguro una buona giornata.

    P.S. vado a curiosare in qualche altro tuo interessante post... :P

    RispondiElimina
  9. Ma figurati carissima, conosco il motivo che ti tiene così impegnata ed io sono contentissima per te. A proposito, come stanno andando i preparativi? :) Un mega abbraccio!!!

    RispondiElimina