lunedì 15 ottobre 2012

Recensione: "Un bacio dagli abissi" di Anne G. Brown

Amore, vendetta, azione, segreti e magia, gli ingredienti della nuova saga incentrata sulla figura mitologica delle sirene, nata dalla penna dell'esordiente Anne G. Brown e giunta in Italia il 18 settembre con "Un bacio dagli abissi"

Titolo: Un bacio dagli abissi
Autore: Anne Greenwood Brown
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Prezzo copertina: 16,00 €
Pagine: 300

Trama: 
Lily pensa che il suo nuovo amico Calder sia un ragazzo normale. Calder, però, nasconde un terribile segreto: fa parte di una stirpe di sirene e tritoni assassini, che vivono nei Grandi Laghi e si nutrono dell’energia degli esseri umani. Spinto dalle sue sorelle, il ragazzo esce dall’acqua per uccidere l’uomo responsabile della morte della loro madre. L’uomo è il padre di Lily e l’unico modo per avvicinarlo è sedurre sua figlia. Abituato ad ammaliare le ragazze con la sua faccia d’angelo, Calder scopre che Lily è molto speciale: si veste con abiti retrò, ha un volume di poesie da cui non si separa mai e, soprattutto, non cade subito ai suoi piedi, costringendolo a passare molte giornate insieme. E in queste giornate, proprio mentre Lily inizia a capire che le leggende dei laghi hanno un fondo di verità e le acque profonde potrebbero riservare pericoli mostruosi, Calder si innamora di lei.

Recensione
Le sirene, tanto affascinanti quanto letali, mitologicamente legate al mondo dei morti, capaci di ammaliare e di uccidere con la loro bellezza. Ma cosa sono realmente queste creature: innocue creature acquatiche come ce le ha presentate lo scrittore Andersen nella conosciutissima fiaba "La sirenetta" o spietati mostri che popolano le acque di laghi ed oceani come riportato nelle antiche leggende greche?

"Un bacio dagli abissi", primo capitolo di una saga incentrata proprio su queste creature mitologiche, sceglie la seconda opzione proponendoci una stirpe di sirene e tritoni assassini.
Queste creature marine sono piene di rancore, di pessimismo, di sentimenti negativi, la loro unica fonte di salvezza sono le emozioni umane. Si nutrono di felicità! 
Cacciano in modo spietato, a volte aspettando pazienti sotto la superficie dell'acqua per attaccare alla sprovvista chi ha scelto di fare una nuotata o una passeggiata in barca; altre volte attirando a sé la vittima ammaliata dalla loro indescrivibile bellezza. 

E' questa la natura di Calder e delle tre magnifiche sorelle: 4 creature piene di rabbia che non desiderano altro che vendicare la morte della madre, non si daranno pace finché qualcuno non pagherà, ma cosa succederebbe se tra le sirene e il loro obiettivo si frapponesse un sentimento forte ed incontrollabile come l'amore?

Sentimento, vendetta, azione, segreti e magia... questo era quello che mi aspettavo da "Un bacio dagli abissi", quello che ci ho trovato invece è stato un romanzo scorrevole, semplice ma anche estremamente banale. La scelta dell'autrice Anne G. Brown di rendere Calder la voce narrante della storia mi aveva fatto ben sperare, convincendomi del fatto che mi sarei imbattuta in una storia intensa e magari anche un tantino più sanguinaria, ed invece tutto ruota intorno alla storia d'amore tra Calder e la figlia dell'uomo che avrebbe dovuto uccidere. Una banalissima storia d'amore tra un tritone o sirenetto come scrive l'autrice stessa nel libro (secondo voi può una creatura marina che uccide nutrendosi di emozioni, esser chiamata "sirenetto"?) e Lily, una ragazza che vuole sembrare a tutti i costi un'artista, tanto che indossa vestiti retrò e ha sempre con sé un libro di poesia, questo è "Un bacio dagli abissi". Un romanzo che non lascia il segno e che si confonde facilmente tra gli altri young adult presenti  sugli scaffali delle librerie.

Ottima l'idea di base di dare alle sirene una natura inquietante e spietata, discutibilissima invece la scelta di omologare il romanzo alle mode del momento, sembra come se l'autrice ha scelto di non osare.

Consigliato, sconsigliato? Che dire, tanto young e pochissimo adult quindi potrebbe andar bene per chi, molto young, si sta avvicinando al mondo dei libri, mentre sconsigliato per chi ha già divorato tantissimi young adult!




10 commenti:

  1. bene credo proprio che non sia un libro per me. già ero scettica per la storia del "sirenetto" (anche tritone mi sembra una cosa poco maschia) inoltre se diventa pure una banale storia d'amroe direi che posso tranquillamente passare oltre! ^^ bella recensione comunque, come sempre centri il punto della situazione!baci

    RispondiElimina
  2. Come non detto...
    Aspettavo la tua recensione per dare la zappa definitiva ad un mio possibile acquisto su questo romanzo.

    Una volta tanto ho fatto una saggia decisione.

    Grazie Sara per la tua recensione, mi ha tolto ogni dubbio.

    Caio!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie Saya!
    Devo ammettere che io sono rimasta abbastanza delusa, dalla copertina e dalla trama mi aspettavo qualcosa di più avventuroso, di più tetro, ed invece... il sirenetto!
    :)

    RispondiElimina
  4. a quanto sembra non è un libro interessante, peccato perchè la mondadori gli aveva dato grande risalto e anche la copertina lasciava presagire qualcosa di diverso dal solito fantasy scontato!

    RispondiElimina
  5. Blake, dai tuoi pareri su altri libri del genere, credo proprio che non piacerebbe nemmeno a te! Sono sempre le copertine più belle a nascondere le delusioni più grandi! :p

    RispondiElimina
  6. Ho partecipato ad un giveaway con in palio questo romanzo ma devo ammettere che non ne sono molto attratta... mi sono lasciata influenzare dalle recensioni per niente positive! La tua si va ad aggiungere alla lista! :(

    RispondiElimina
  7. Sapendo quanti young adult avete letto quasi tutti voi credo sia difficile che possiate trovare originale "Un bacio dagli abissi". Secondo me può essere una lettura piacevole per chi non ha mai letto nulla del genere o comunque bisogna prenderlo molto molto alla leggera!

    RispondiElimina
  8. Allora sirenetto non si può sentire!!!
    comunque io avevo grandi aspettative su questo libro all'uscita!!però sono calate un pò!!
    lo leggerò sicuramente quando ne avrò la possibilità, ma darò la precedenza ad altri libro!!!
    complimenti per la recensione!

    RispondiElimina