mercoledì 18 aprile 2012

New entry in my library (55)

Buongiorno ragazzi, come procedono le vostre letture? 
Io in questi giorni ho ricevuto un bel pò di nuovi libri quindi voglio subito farli vedere anche a voi con una puntata della rubrica "New Entry in My Library". Rubrica che ormai conoscete bene e che nasce con l'intento di condividere con voi gli acquisti, gli omaggi o i regali, non ha una cadenza periodica ma viene pubblicata solo quando ho delle novità!


Il primo libro è stata una piacevolissima sorpresa della casa editrice Mondadori che mi ha inviato il nuovo romanzo di Lesley Lokko: "Un perfetto sconosciuto".

Sam è bella e con una carriera di avvocato all'apice del successo. E lo deve solo a se stessa. Era un brutto anatroccolo e si è trasformata in cigno, ma nonostante il denaro e il potere della sua posizione, è solitaria e sposata al suo lavoro. A Marrakesh, durante una brevissima vacanza incontra Nick, un affascinante militare di carriera con cui scocca la scintilla, e Sam cede incredula alle sue avances. Nick le chiede di andare a vivere con lui in un campo militare in Germania. Sam accetta e lo segue. Là incontrerà altre mogli e compagne di soldati: Meagan, fuggita da casa da un padre ignorante e violento ora sposata ad un giovane ufficiale, disposta a vivere dall'altra parte del mondo pur di non tornare nella casa di origine; Dani, una ragazza­bambina di colore che troverà l'amore tragico nella persona sbagliata; Abby, la moglie perfetta che pur di compiacere il marito, un alto esponente dell'esercito, non riesce mai a essere se stessa. In questo nuovo contesto Sam si rende conto di non conoscere affatto l'uomo che lei ha seguito impulsivamente stravolgendo completamente la sua vita. Chi è davvero Nick? Il suo amato si rivela un perfetto sconosciuto che nasconde un torbido e tragico segreto...

*** 

Gli altri tre libri sono invece un omaggio dalla casa editrice MammaEditore, sono tutti e tre molto allettanti: "Apocalypse Kebab", "Un nido di terra per la donna cristallo" e "La fantasia dello scarafaggio".

"È solo grazie a fortuna e buoni riflessi che Alexandra Zahradnik non finisce dentro la buca. La voragine è enorme, perfettamente rotonda, al centro di Praga. Insomma, da restarci secchi. Ma non lei che, anche se consegna kebab a domicilio, sorveglia il continuum spaziotemporale dell'Europa dell'est. Alexandra si china sull'asfalto e poi solleva il naso ad annusare il cielo di Praga. Esterni. E tra questi uno potente come non se ne erano mai visti, neppure al tempo dei golem. È davvero un brutto guaio. Sotto lo sguardo dei gargoyle che vegliano dall'alto sulla città impazzita, il destino correrà sulle ruote dello scooter di Alexandra, al ritmo del piccolo cuore che ha rinunciato a sperare. L'amore nascerà, lì dove il male ha il passo leggero e gli eroi sono il peggior branco di spostati..."

Dorinda "Icy" Martini ovvero Dorinda "la fredda" è una trentenne affabile come un ghiacciolo. Icy sarebbe più adatta all'esercito che a una holding del lusso. Ondeggia a disagio su sandali vertiginosi al ricevimento di Steve Crossbow. Il miliardario festeggia l'acquisto di una mitica coppa dell'immortalità. Solo "manie" del vecchio, secondo Icy. Ma forse sbaglia perché per appropriarsene un rapinatore gigantesco e sinuoso spunta dal nulla e fa fuori come niente tre guardie armate. Peccato che il rapinatore, spinto da un istinto misterioso, esiti ad eliminare Icy e ci rimetta la pelle. È l'uomo che nella vita le ha dimostrato maggior generosità e Icy decide di andare al suo funerale. È così che magnetici occhi color tabacco emergeranno dal buio e Icy si troverà a scavare tombe e a fare sedute spiritiche. "Io te lo ha detto Icy, questo è grande casino", borbotta Anita, la sua amica russa, spiritista punk. E ha ragione, Icy. Quegli occhi color tabacco potrebbero perfino farti scoprire che non sei poi così fredda.

Londra. Morti inspiegabili sconvolgono il Regno Unito e l'Europa. Bambine angelo vestite di bianco si schiantano al suolo dall'alto dei ponti e dei palazzi. Incubo dei genitori conservatori britannici, l'assistente sociale Nor Temple, bellissima e istrionica, è decisa a risolvere l'enigma e a stanare "lo scarafaggio". La responsabile Temple, trascinata da un intuito senza briglie, solca le fantasie livide dell'infanzia inglese, vittoriane e inquietanti, affiancata in questo e trattenuta dal vice ispettore capo, John Carver. Esperto in omicidi seriali, l'acutissimo detective è sorretto da logica spietata e parole affilate come stiletti. Insofferente all'ordine e alla gerarchia, marine in tacco dodici, Temple si trova di fronte a una doppia sfida: sopportare e fare squadra con l'ispettore Carver, arrogante e misogino, e fermare la lunga teoria di giovani vittime.

*** 
Ed infine l'omaggio di una scrittrice esordiente che ringrazio. Mi ha inviato la copia digitale del suo primo romanzo: "Figlie di Diana" di Stefania Tuveri.

Due giovani sorelle sono alle prese con una domanda che cambierà le loro vite: la magia esiste? La risposta arriverà dalla saggezza della nonna che si occupa di loro e il misterioso e complesso mondo della stregoneria si rivelerà in tutto il suo misticismo, tra incantesimi, tarocchi e rune. Ma praticare l'antica arte magica comporta delle grandi responsabilità e il Male è in agguato. La sfida che attende Selene e Caterina sconvolgerà le loro vite, ma ci sarà sempre spazio per amore e amicizia.



***

Per oggi le mie novità sono terminate, voi avete acquistato o ricevuto qualche libro interessante? Cosa mi consigliate?

7 commenti:

  1. quanti bei titoli... figlie di diana è quello che mi interessa di più

    RispondiElimina
  2. @TheSweetColours: "Figlie di Diana" incuriosisce molto anche me, tu stai leggendo qualcosa al momento?

    RispondiElimina
  3. Ciao Sara!
    "Un perfetto sconosciuto" sembra promettere bene, "Apocalypse Kebab" e "Un nido di terra per la donna cristallo" invece non mi ispirano molto...sarà che ho letto delle recensioni un pò negative su di loro...quindi sono curiosa di scoprire cosa ne pensi tu!
    Ho avuto modo di intervistare l'autrice di "Figlie di Diana", un libro scritto da un'autrice così giovane non può che destare curiosità!

    RispondiElimina
  4. @Clody: Ma di Stefania Tuveri hai anche letto il libro? Comunque passo volentieri a leggere l'intervista perché mi piace scoprire anche un pò la storia degli autori e di come è nata la storia prima di avventurarmi in una lettura!
    Anch'io ho letto qualche recensione negativa di "Apocalypse Kebab" e "Un nido di terra per la donna cristallo", ma... speriamo bene!

    RispondiElimina
  5. No il libro della Tuveri non l'ho ancora letto...ho già un pò di libri che mi aspettano sul comodino ;-)
    Magari più in là...

    RispondiElimina
  6. Anche il mio comodino è un pò affollato, per fortuna Stefania mi ha mandato la copia digitale! :p
    Buona serata!!!

    RispondiElimina
  7. Fa proprio un bell'effetto vedere che c'è gente interessata al proprio lavoro! Ringrazio davvero tanto chi mi sta dando la possibilità di farmi conoscere grazie a interviste e recensioni: senza di voi noi autori saremmo persi.

    RispondiElimina