lunedì 13 febbraio 2012

Recensione: "Morire per vivere" di John Scalzi

Gargoyle books, casa editrice che dal 2005 ci ha regalato molti interessanti titoli horror, ha deciso di avvicinarsi ad un altro genere allettante: fantascienza. Ad inaugurare la nuova collana fantascientifica, Gargoyle Extra,  è stato il romanzo "Morire per vivere" (Old Man's War), disponibile in Italia dal 26 gennaio 2012. Primo capitolo di una serie che negli Stati Uniti conta già 4 titoli: Old Man’s War, The Ghost Brigades, The Last Colony e Zoe’s Tale.


Titolo: Morire per vivere
Autore: John Scalzi
Editore: Gargoyle 
Prezzo copertina: 18,00 €
Pagine: 318

Trama:
A 75 anni John Perry, vedovo da alcuni mesi, si arruola nelle Forze di Difesa Coloniale (fdc), imbarcandosi, assieme ad altri volontari, sull’astronave 'Henry Hudson'. All’interno del veicolo spaziale, la coscienza dei commilitoni viene trasferita in nuovi corpi che, per mezzo di una tecnologia avanzata, vengono potenziati in modo da disporre di una forza prodigiosa e sensi molto sviluppati.
Dopo un periodo di addestramento sul pianeta Beta Pyxis III, Perry viene mandato a combattere i Consu, una razza aliena fiera e intelligente; grazie a una sua intuizione le fdc vincono la battaglia e il suo gruppo di appartenenza e' riassegnato, ma l’astronave viene intercettata e attaccata, e Perry dato per morto. A salvarlo, pero', arrivano le misteriose Brigate Fantasma, forze speciali delle fdc, guidate da Jane Sagan, che somiglia in modo impressionante a Kathy, la defunta moglie di John…
***
Recensione. 
John Scalzi, dopo un esordio da giornalista si dedica con grandi risultati alla scrittura e ci regala una serie fantascientifica originale e divertente. "Morire per vivere", il primo capitolo della serie Old Man's War, debutta in Italia solo a gennaio ma i consensi che l'autore sta riscuotendo sono già numerosi e probabilmente lo saranno anche nel resto del mondo perché i diritti sono stati venduti in più di quindici Paesi.
John Perry, un arzillo vecchietto appena settantacinquenne, è la voce narrante e il protagonista dell'intera avventura, avventura ambientata in un futuro non specificato in cui fare una chiacchierata con un alieno non è una cosa strana.
John, in seguito alla morte dell'amata moglie, decide che è arrivato il momento di schierarsi al fianco della sua Nazione, in continua lotta per colonizzare nuove terre. Il problema è che sulla Terra le risorse scarseggiano così l'esercito e gli scienziati hanno pensato bene di andare a colonizzare i pianeti oltre il Sistema Solare, pianeti molto contesi la cui conquista inevitabilmente porta a sanguinose lotte. Da qui la nascita della FDC (Forze della Difesa Coloniale), un'esercito speciale che recluta vecchietti ed utilizza tecnologie molto avanzate e all'avanguardia per ridare loro la vitalità necessaria a combattere.
John, così come tutti gli altri soldati della FDC, si ritrova quindi lontano anni luce dalle propria case e dai suoi affetti, con un nuovo corpo modificato geneticamente a lottare contro alieni dall'aspetto stravagante. 
Una storia molto originale quella che ci regala il californiano John Scalzi che pur avendo strutturato una trama abbastanza complessa non rinuncia ad uno stile ironico e scorrevole che rende questo libro piacevole e coinvolgente
Essendo il genere "fantascientifico" una ramificazione e uno sviluppo del genere scientifico ed avendo come punto di partenza della trama una nuova tecnologia o una nuova scoperta scientifica, a parer mio può (e in altri libri succede) cadere in noiose descrizioni o elenchi di formule (più o meno attendibili che siano). John Scalzi invece, accenna appena al funzionamento delle astronavi, delle armi, della modifica genetica, ecc... lasciando invece molto più spazio alla sfumatura emotiva e umana della storia, regalandoci così una storia ricca di battaglie ma anche di sentimenti.

***

Dal libro:
"Tu non hai la minima idea di come sia
essere uno di noi. Hai detto di voler sapere qualcosa di
me. Quale parte vuoi sapere? Vuoi sapere com’è svegliarsi
un giorno, con la testa piena di informazioni, riguardo a
ogni cosa, da come macellare un maiale a come pilotare
un’astronave, ma non sapere il tuo nome? O che ne hai
addirittura uno? Vuoi sapere com’è non essere mai stato
bambino, o non averne mai visto uno, fino a quando non
metti piede in qualche colonia distrutta e ne vedi uno
morto davanti a te? Forse vuoi sapere come la prima volta
che uno di noi parla con qualche vero nato deve trattenersi
dal picchiarvi perché parlate, vi muovete e pensate
così lentamente, cazzo, che non sappiamo neanche perché
si preoccupino di arruolarvi.
O forse vuoi sapere che ogni singolo soldato delle Forze
Speciali sogna un passato per se stesso. Sappiamo di
essere il mostro di Frankenstein. Sappiamo di essere fatti
di pezzi di morti. Ci guardiamo allo specchio e sappiamo
che stiamo guardando qualcun altro e che l’unico motivo
per cui esistiamo è perché quel qualcun altro non esiste
più e che l’abbiamo perso per sempre. Allora tutti immaginiamo
le persone che potevano essere state,
immaginiamo le loro vite, i loro figli, i loro mariti e mogli
e sappiamo che nessuna di queste cose potrà mai essere
nostra" - Pag. 280 -

4 commenti:

  1. non amo molto la fantascenza ma la tua recensione mi è piaciuta molto!^__^

    RispondiElimina
  2. Ad esser sincera nemmeno io adoro questo genere perché, come dicevo nella recensione spesso sono troppo noiosi e freddi, questo invece è stato molto divertente! :)

    RispondiElimina
  3. il genere fantascienza va bene ogni tanto per variare. credo proprio tu abbia scelto un'ottima lettura. la storia sembra interessante. non ho letto tutta la recensione, perché non si sa mai decida di acquistarlo, ma ho capito che è stata una lettura piacevole e quindi credo debba essere un buon libro ;-)

    RispondiElimina
  4. Anche se l'avessi letta tutta non avresti trovato nessuno spoiler Pupottina, non mi dilungo sulla trama in sé proprio per non rovinare il gusto a chi ancora non ha letto il libro!
    "Morire per vivere" è stata un'ottima scelta per inaugurare la nuova collana Gargoyle!

    RispondiElimina