giovedì 23 febbraio 2012

New Entry in My Library (50)

Buongiorno ragazzi! Siamo giunti alla cinquantesima puntata della rubrica New Entry in My Library, rubrica che nasce con la semplice idea di condividere con voi i nuovi acquisti, prestiti, ecc... Voi avete acquistato qualcosa di interessante in questi giorni?


Inizio con il presentarvi un libro che non so esattamente perché ma mi ispira tantissimo, eppure generalmente non sopporto le storie d'amore ma ho bramato "Ti amo ti odio mi manchi" da subito, ed ora è finalmente nella mia libreria.

Vivere una vita felice non è complicato. Basta seguire delle regole ben precise. Non mollare mai, per un colpo di testa, un uomo che tutti pensano sia perfetto per te. Evita di trasferirti in un rudere di campagna per “ritrovare te stessa”, con il rischio di diventare lo zimbello del villaggio e di coprirti di ridicolo. E soprattutto, non dire “ti amo” a un uomo che ha due figlie che ti odiano, una moglie defunta che gli manca e che sarà sempre migliore di te. E per giunta una madre convinta che tu sia alle sue dipendenze. Maggie vorrebbe tanto una vita in cui tutto funzioni, ma se continua a infrangere le regole sarà destinata a passare da una disavventura all’altra… Infatti, dopo aver perso il lavoro a Dublino, è costretta a rinunciare alle sue Jimmy Choo per calzare orribili stivali da lavoro, a rifugiarsi nella sonnolenta cittadina di Glacken e a fare ciò che non avrebbe mai immaginato, nemmeno nei suoi incubi peggiori: pulire stalle e prendersi cura degli animali. Ma Maggie è testarda, non si arrende ed è anzi pronta a tutto pur di conquistare la gioia e la serenità che merita. E forse, al di là di ogni regola, una vita perfetta e un amore da sogno sono lì ad aspettarla...



*** 
Il secondo libro, dalla trama un pò inquietante ma intrigante, è un omaggio della casa editrice Fazi che ringrazio: Io non sono un serial killer di Dan Wells

John Wayne Cleaver è, per sua stessa ammissione, un ragazzo potenzialmente pericoloso. Giudicate voi stessi: un ragazzo che passa il suo tempo dentro casa – un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell'obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un’ossessione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma questo ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati dei corpi atrocemente mutilati. Stavolta il suo demone interiore è costretto ad uscire allo scoperto, sulle tracce di quel mostro che, là fuori, sta lanciando una sfida non è più possibile respingere.
***

Il terzo libro mi è stato inviato in visione dalla casa editrice Longanesi e non vedo l'ora di leggerlo: Immortal di Alma Katsu.

È una freddissima notte invernale nel pronto soccorso dell’ospedale di St Andrew, nel Maine. Luke, giovane medico di turno, si ritrova davanti una ragazza atterrita, giovanissima e dalla bellezza eterea. Si chiama Lanny e ha appena ucciso un uomo, abbandonandone il cadavere nel bosco. Ma Lanny sostiene di averlo fatto su richiesta della vittima stessa e prega Luke di aiutarla a scappare.
Quando Luke rifiuta, Lanny afferra un bisturi e si squarcia il petto nudo. Sotto lo sguardo atterrito di Luke, la ferita si rimargina da sé all'istante. Lanny è immortale, ha più di duecento anni e una storia incredibile da raccontare. È il racconto di un uomo ossessionato dalla bellezza e dal bisogno di possederla e di una donna travolta da un amore torbido, appassionato e mai ricambiato abbastanza.Una storia che attraversa i secoli, un thriller storico di rara potenza.
*** 

Ed infine l'omaggio di un autore, Gregorio Giungi, che ha da poco pubblicato "I diari della bicicletta" per i tipi Albatros e che ovviamente ringrazio.

I diari della bicicletta raccontano la vera storia di Enea Milesi. Più che una biografia dal sapore prettamente storico, è un romanzo di avventure che cerca di illustrare i sentimenti del protagonista e l'orrore della guerra. Enea è giovane e, dopo la morte in combattimento del fratello, parte per il fronte nel 1916 con spartana determinazione, distinguendosi per il suo coraggio, nonché per una certa sfacciata fortuna. È la Prima Guerra Mondiale, "Grande Fiera della Carne Umana", combattuta nel caos delle trincee e della disorganizzazione militare italiana. E poi la Seconda, "subita da civile" nella paura viscerale per la propria famiglia e la propria casa. Le Storie di salotto e di trincea mostrano la vita privata ed intima dell'uomo che, con gli amori e i drammi familiari, si snoda attorno ed attraverso le vicende belliche, in cui condivide con i compagni "pane, sangue, pericolo e merda", nell'affresco di un'epoca perduta e nella toccante testimonianza di una generazione che sapeva sorridere davanti alla morte.
*** 
Avete acquistato o letto qualche mia new entry? Voi cosa avete acquistato, ricevuto, preso in prestito, rubato :) ?

2 commenti:

  1. Sara, ho appena finito "Io non sono un serial killer" e te lo consiglio vivamente ! Macabro, ma molto carino :) Anch'io ho ricevuto dalla Longanesi il romanzo Immortal che, sebbene non collabori propriamente con loro, mi è stato inviato per la mia intervista alla gentile autrice :) E' anche autografato ! :DD

    RispondiElimina
  2. I thriller macabri in genere mi piacciono, ovviamente devono esser strutturati bene. Grazie del consiglio!
    La mia copia di Immortal è senza autografo, dalla trama sembra molto intrigante... fammi sapere quando lo leggi! ;)

    RispondiElimina