venerdì 23 dicembre 2011

Anticipazione: "L'eretico" di Carlo A.Martigli

Carlo A. Martgli, autore toscano già conosciuto per il successo riscosso con "999 - L'ultimo custode", torna nelle nostre librerie dal 12 gennaio con un nuovo thriller storico ed esoterico: "L'eretico". Il "bersaglio" delle sue indagini misteriose è ancora Pico della Mirandola definito dallo stesso autore uno dei più grandi geni dell'umanità:

"Pico della Mirandola è stato uno dei più grandi geni dell’umanità, al pari di Leonardo da Vinci. Di lui però si ricorda solo la memoria prodigiosa. Uomo dalla cultura enciclopedica, emblema del Rinascimento, amico intimo di Lorenzo Il Magnifico e di Girolamo Savonarola. Biondo, alto 1,88, dalla sessualità prorompente, e forse anche incerta. L’uomo più ricco d’Italia e forse d’Europa che spese metà del suo patrimonio in libri.
Scrisse, tra l’altro 900 tesi che voleva fossero discusse in un Concilio da tenere a Roma a sue spese, nel quale avrebbe sostenuto insieme a teologi ebrei e musulmani, l’esistenza di un unico Dio comune a tutte e tre le religioni monoteiste. Per quello fu perseguitato e alla fine ucciso all’età di soli 31 anni. Durante i miei studi su di lui fui colpito dal suo epitaffio il cui significato ancora oggi rappresenta un enigma per gli studiosi di tutto il mondo. Andai così alla Chiesa di San Marco a Firenze e lo lessi: catera norunt et Tagus et Ganges forsan et Antipodes.
Su questo mistero e la voglia di svelarlo nacque l’idea per il romanzo." (Carlo A.Martgli - Intervista)

Con "L'eretico" l'autore torna ad indagare partendo dalla morte di Pico della Mirandola e spostando poi l'attenzione su Girolamo Savonarola, un frate che sembra voglia far sparire tutto ciò che Pico aveva costruito. E' stato definito "Il codice da Vinci" all'italiana, sarà veramente così?

Titolo: L'eretico
Autore: Carlo A. Martigli
Editore: Longanesi
Pagine: 504
Prezzo copertina: 17.60 €
Data pubblicazione: 12 gennaio 2012

Trama:
Firenze, 1497, Pico della Mirandola è morto da poco e con lui la speranza di un accordo fra le varie religioni in lotta. La città è ora in mano a un frate che predica sacrifici e si scaglia contro tutte le ricchezze, anche quelle culturali: Girolamo Savonarola. Perché Savonarola vuole cancellare tutto ciò che Pico della Mirandola aveva faticosamente costruito? Quale messaggio sconvolgente si nasconde nell’opera di Pico? Intanto dal lontano Tibet, due monaci sono in cammino verso Occidente, e portano una testimonianza straordinaria, l’Ipsissima Verba, le parole dell’uomo che con il nome di Issa trascorse gli anni della giovinezza ad apprendere la saggezza orientale. L’uomo che, tornato in Palestina, rivoluzionò il mondo con il nome che gli apparteneva un tempo: Gesù.

--------------------------------------
L'autore:
Madre pianista, padre violinista, architetto, critico d’arte e bibliofilo. In questo contesto eclettico e in una Livorno cosmopolita, matura lo spirito di Carlo A. Martigli. Le medie ai Gesuiti gli aprono la mente e gli danno il gusto della ricerca storica e filosofica, in assoluta libertà. Completa gli studi classici e mentre frequenta l’Istituto di Filosofia del Diritto a Pisa, lavora part-time al Tirreno di Livorno. Una tragica malattia del padre lo obbliga a cercare un impiego che gli consenta di aiutare la famiglia in difficoltà. Arriva la classica banca, che lo assume quasi per sbaglio dopo un colloquio con il capo del personale incentrato solo sulla comune passione per il teatro. Martigli fa una splendida carriera, in pochi anni diventa dirigente. I libri sono sempre la sua passione, legge di tutto e approfondisce in particolare due tematiche: la decadenza dell’impero romano e lo spirito del Rinascimento, specchio entrambi dell’attuale società e delle immense capacità dell’uomo di rinascere. Pubblica un primo libro di favole in rima, dedicato a sua figlia, che Emanuele Luzzati chiederà di illustrare. La banca gli sta sempre più stretta e quattro anni fa, si dimette rinunciando a tutte le sicurezze economiche per dedicarsi esclusivamente alla scrittura in modo professionale. Si dà un obiettivo di tre anni: dopo di che, se non riuscirà, aprirà una pizzeria. Sa che è una sfida quasi impossibile ma vuole almeno dire a se stesso di averci provato. Pubblica due romanzi storico/fantasy e alcuni saggi, tra cui uno sui miracoli non cattolici nel mondo. È l’inizio della svolta, il successo arriva in Italia e all’estero con il thriller storico 999 L’ultimo Custode. Intanto, per una scommessa, diventa il cult writer dei romanzi horror per ragazzi sotto lo pseudonimo di Johnny Rosso. Contro tutte le previsioni ce l’ha fatta, quasi una metafora dei suoi studi, decadenza e rinascita.

1 commento: