lunedì 20 giugno 2011

New entries in my library (30)

Trentesimo appuntamento con la rubrica New Entry in My Library, rubrica non periodica in cui vi racconto i nuovi titoli che entrano a far parte della mia libreria e con la quale ovviamente mi piacerebbe confrontarvi con voi e con i vostri acquisti!


In questo appuntamento devo ringraziare di cuore la casa editrice Guanda per un regalo del tutto inatteso: "L'uomo che odiava i martedì"


Trama:

Trentacinque anni dividono la fine inspiegabile di Germund Grooth e Maria Winckler – legati nella vita come nella morte – in fondo a un burrone nei boschi intorno a Kymlinge. Incidente o suicidio? Alcune strane circostanze, però, inducono gli investigatori a pensare che possa trattarsi di omicidio: che cosa si nasconde dietro l’apparente normalità degli «altri», il gruppo degli amici di Germund e Maria fin dai tempi dell’università a Uppsala?
Come già in passato, anche oggi la polizia di Kymlinge e il suo malinconico antieroe, l’ispettore di origini italiane Gunnar Barbarotti, brancolano letteralmente nel buio. Affiancato come sempre dalla collega Eva Backman, Barbarotti si vede costretto a scavare nei meandri della mente dei sospettati per far affiorare a poco a poco un segreto orribile che ha lasciato un segno indelebile non solo nella vita delle vittime, ma anche in quella di chi è rimasto. Le mappe interiori dei personaggi si sovrappongono senza fine, disegnando paesaggi imprevedibili e vertiginosi: Dio, il destino, la morte, la colpa sono spesso al centro delle riflessioni dell’ispettore, più dei «crudi fatti» su cui basare le indagini.



-----------------------------------------------

Ringrazio poi la casa editrice Castelvecchi per avermi omaggiata di due fantasy veramente attesissimi che non vedo l'ora di leggere: "Ziska. La strega delle piramidi" di Marie Corelli e "La banda del cimitero" di Jesse Bullington


Trama:
Nell’anno del Signore 1364, stritolata dal terribile morbo della Peste Nera, l’intera Europa appare come una landa desolata: una terra senza speranza in cui, simili agli spettri, si aggirano i corpi scheletrici di chi è sopravvissuto alla catastrofe. In questo regno di fame e paura, dove il prossimo non è altro che un nemico da tenere a bada con la forza delle armi, il terrore è tenuto vivo da storie che parlano di streghe e demoni, creature malvagie sempre pronte a gettarsi sui vivi per consegnare nuove anime al mondo dei dannati. Hegel e Manfried Grossbart, però, non temono nessuna maledizione. E, convinti di godere della protezione della Vergine Maria a cui sono devoti, sbarcano il lunario svaligiando cimiteri. Guai a chi, per troppo coraggio o semplice ignavia, dovesse incrociare la strada dei due ladri di tombe, Fedeli a un solo desiderio – raggiungere l’Egitto per depredare le necropoli dei faraoni - Manfried ed Hegel, oltre che ladri, sono anche assassini senza scrupoli. I protagonisti di un viaggio che, in un romanzo in bilico tra il folklore dei fratelli Grimm e la vena dissacrante di Quentin Tarantino, saprà parlare di fattucchiere passionali e di morti viventi, di crociate e di eresie, di mostri assetati di sangue e di preti reietti. Un medioevo spaventoso ma vivo, in grado di trascinare il lettore in una storia dove i colpi di scena rappresentano la regola e i lati oscuri delle antiche leggende escono dai libri per impossessarsi della realtà.

Trama:
Armand Gervase ha tutto ciò che si può desiderare dalla vita: fama, successo, donne, denaro e, come artista, può senz’altro dirsi realizzato visto che le sue opere sono esposte dalle più importanti gallerie del mondo. Il suo quadro più famoso raffigura un’affascinante donna dell’antico Egitto su uno sfondo ricco di precisi particolari storici anche se Gervase non ha nessuna conoscenza del passato egiziano: come ha potuto dipingere un simile ritratto?
L’artista, prigioniero delle spire di una vita lussuriosa e decadente, non sembra porsi il problema. Almeno finché, al Cairo, non incontra la misteriosa principessa Ziska, una donna di straordinaria bellezza in grado di ammaliare chi l’ascolta con storie – come quella, tragica, degli amanti Araxes e Charmazel – provenienti dal millenario regno dei faraoni.
Catturato dal fascino di Ziska, Gervase sarà presto costretto a fare i conti con un fatto soprannaturale: la principessa è identica alla donna del suo famoso quadro e, nella sua stessa immaginazione, il ricordo di Ziska sembra essere animato da memorie che affondano le loro radici nella notte dei tempi. Ciò che appare come inspiegabile, allora, si colorerà di inquietudine profonda in una storia dove il sapiente intreccio dei temi della seduzione, della reincarnazione e della vendetta spiegano lo straordinario successo di Ziska. La strega delle piramidi nel periodo vittoriano.

-----------------------------------------------
Per questo appuntamento è tutto! Ora voglio sapere di voi: avete già letto qualcuno di questi libri? Avete acquistato qualcosa di interessante in questi giorni? A voi la parola! ;)

4 commenti:

  1. Non ho letto ancora nessuno di questi libri, ma mi piacerebbe molto leggere Ziska!

    Ecco i miei acquisti sul sito ibs arrivati ieri :
    Cara Mathilda - Tamaro S.
    Antonio e Cleopatra
    Orgoglio e pregiudizio
    Le cose che odio di più
    Più forte dell'odio
    Riflessi si un pomeriggio d'inverno

    :)

    RispondiElimina
  2. Ottimi acquisti Bina's... in particolar modo il libro di Susanna Tamaro che è una scrittrice che adoro ma di cui non ho ancora letto "Cara Mathilda"... fammi sapere se è bello! ;)

    RispondiElimina
  3. E' il primo che ho iniziato tra questi, mi piacciono molto i libri epistolari ! Sono quasi a metà e devo dire che è molto interessante! Da un sacco di spunti di riflessione .. te lo consiglio :)

    RispondiElimina
  4. Bhè... me lo appunto anche se al momento ho un bel pò di libri in arretrato da leggere! ;)

    RispondiElimina