mercoledì 27 aprile 2011

Recensione: "Matched" di Ally Condie

"Matched" primo capitolo di una nuova trilogia distopica che sarà disponibile in tutte le librerie dal 13 maggio 2011 e che ho avuto il piacere di poter leggere in anteprima!



Titolo: Matched
Autore: Allie Condie
Editore: Fazi
Prezzo copertina: 18,50 €
Pagine: 350
Data pubblicazione: 13 maggio 2011

Trama:
E' il quindici del mese e, come è consuetudine, la Società celebra i Banchetti di Abbinamento. Cassia Maria Reyes ha 17 anni ed è arrivato per lei il momento di partecipare finalmente alsuo Banchetto. Curiosa di sapere chi le verrà assegnato, Cassia ripone grande fiducia nelle scelte della Società: sa che il suo sarà il compagno perfetto. Quando i Funzionari chiamano il suo nome si alza e si dirige verso lo schermo dell'Abbinamento. Pochi secondi di attesa prima di scoprire che il suo compagno è un caro amico, un ragazzo che conosce da tutta la vita, Xander. Ma non è il volto di Xander quella che compare sullo schermo di casa sua, una volta inserita la micro card in dotazione a ogni ragazzo appena abbinato. Il volto appartiene a un altro ragazzo, Ky.
Cassia si trova ora a un bivio, divisa tra due scelte impossibili: tra Xander e Ky, tra un'esistenza preordinata e un percorso che nessuno ha mai avuto il coraggio di seguire. Divisa tra due vite. Una pianificata e controllata e una illegale, pericolosa ma libera. Non più un quadro dove gli unici colori siano il bianco e il nero, ma un arcobaleno di tonalità, scelte da lei e non da chi ha sempre deciso al suo posto.

Recensione.
"Ora che ho trovato il modo di volare, in che modo devo percorrere la notte? Le mie ali non sono bianche e non hanno piume; sono fatte di seta verde che vibra al vento e si piega muovendo i miei movimenti: prima un cerchio, poi una linea retta e infine una forma inventata da me. Non mi preoccupa l'oscurità alle mie spalle; e nemmeno il cielo stellato che ho di fronte. Sorrido delle mie sciocche fantasie. Le persone non possono volare, sebbene, prima della Società, si narrassero miti su esseri in grado di farlo. Una volta ho visto un dipinto che li raffigurava. Ali bianche, occhi celesti, cerchi dorati sospesi sulle loro teste, sguardi rivolti in alto per la sorpresa, come se non riuscissero a credere a ciò che l'artista aveva dipinto: i loro piedi staccati da terra.Erano solo favole. Lo so."

Pastelli colorati per disegnare i personaggi preferiti delle favole, una crostata alla fragola o alla ciliegia, un passeggiata in riva al mare con gli amici, un diario segreto in cui custodire i propri pensieri... piccole e semplici banalità che riempiono la quotidianità di ognuno di noi, piccole cose a cui non diamo più nemmeno importanza... piccole cose che invece nel mondo di Cassia non esistono e sono proibite!
Cassia non si è mai sbucciata le ginocchia, non ha mai scritto su un foglio il suo nome, non possiede giocattoli di nessun tipo, non ha mai bisticciato con la madre perché il pranzo non era di suo gradimento... Cassia non ha mai avuto la possibilità di scegliere nessuna di queste cose e come Cassia nessuno degli abitanti del mondo di Matched. Un mondo apparentemente perfetto in cui non ci sono più malattie, dove tutti vivono fino all'ottantesimo anno di vita, dove la logica prevale persino sui sentimenti e l'Amore non è altro che un'unione di individui geneticamente compatibili che garantiscano una progenie forte e in salute.
Ally Condie dà vita ad un perfetto romanzo distopico che utopizza un futuro prossimo creando una società indesiderabile sotto tutti i punti di vista, una società che soffoca la libertà di tutti i cittadini togliendogli la libertà di pensiero, di parola, di azione... è come se si vivesse in un enorme Grande Fratello: monitorati 24 ore su 24 dai Funzionari (persino durante i sogni), condizionati in tutte le scelte, costretti a lavorare nel posto scelto appositamente dai Funzionari, costretti a sposare l'uomo o la donna scelti da altri, costretti addirittura a mangiare il pasto assegnatoli.
Con un linguaggio semplice, scorrevole e coinvolgente la scrittrice riesce a descrivere perfettamente le regole e li stati d'animo di questi cittadini/prigionieri e anche se da molti critici letterari il romanzo è stato definito banale perché troppo simile ad altri romanzi distopici come "1984" di Orwell o il più recente "Delirium" di Oliver, a parer mio è una storia che merita decisamente di esser letta e gustata! Forse il mio punto di vista è errato, dovuto al fatto che non ho letto nessuno dei due libri appena citati ma sta di fatto che la scrittrice Ally Condie con Matched è riuscita a suscitare in me delle emozioni e soprattutto è riuscita a farmi porre delle domande su ciò che abbiamo e che troppo spesso diamo per scontato! 
In fondo si sa che apprezziamo realmente ciò che abbiamo solo quando ci viene negato... ed è proprio su questo che Matched ci fa riflettere attraverso gli occhi della giovane protagonista, occhi che lentamente si accorgono delle ingiustizie della Società che la circonda!

Leggi un estratto cliccando sull'immagine:



Per immergervi nel mondo di Matched, visitate il sito italiano ufficiale: qui

2 commenti:

  1. Sara, leggerò la recensione per intero dopo aver letto il ibro... non voglio spolierarmi.
    Ma leggendola a "spizzichi e bocconi" ho visto che ti è piaciuta e questo mi fa piacere, perché vuol dire che piacerà pure a me... dopo tutto abbiamo gusti simili...

    Buona Notte!!!

    RispondiElimina
  2. Vero... abbiamo davvero gusti simili però su questo libro non so se la tua opinione sarà uguale alla mia, dipende da quanti e quali libri distopici hai già letto!! ;)

    RispondiElimina