giovedì 24 marzo 2011

New entries in my library (17)

Oggi sono letteralmente entusiasta per le news che ho da condividere con voi, questa diciassettesima puntata della rubrica New Entries in My Library è infatti ricchissima! Ricordo, per chi non conosce ancora la rubrica, che non è periodica ma è nata solo per condividere con voi i nuovi titoli che entrano a far parte nella mia libreria.


Per i primi quattro libri devo ringraziare la disponibile casa editrice Newton Compton che mi ha omaggiata di (vi riporto solo le trame per una questione di tempo):


È la primavera del 1810 quando il giovane reverendo Tobias Campion si insedia nella parrocchia di Moreton, nel Warwickshire. Ma già la prima notte Tobias è colto da oscuri presentimenti e nei giorni successivi ha l’impressione che la gente del villaggio gli nasconda qualcosa… E infatti, le molestie verso la dolce cameriera Lizzie da parte di un giovane aristocratico, la strana morte del ricco tenutario del posto, oltre che un misterioso attacco contro lui stesso, confermano il suo sospetto: quel villaggio non è affatto il luogo sicuro e tranquillo che sembra. E quando Lizzie, per la quale ora il reverendo comincia a provare dei sentimenti, scompare improvvisamente, Tobias decide che è arrivato il momento di indagare, ma non immagina a quali pericoli sta andando incontro…



Kate Folan vorrebbe soltanto essere una ragazza normale, ma sa che non è possibile. La sua è una famiglia di licantropi e, una volta giunta alla maggiore età, anche lei dovrà trasformarsi in un lupo. Sua madre le ha persino scelto un compagno, Tom Anderson, affinché generino l’erede supremo della sanguinosa dinastia dei mannari. Tom, però, è diverso dagli altri: è stato da poco tramutato contro la sua volontà in un licantropo, e certamente non vuole diventare un mostro. Non sa che farsene dei suoi nuovi super-poteri, e vuole solo ritornare alla sua vita di tutti i giorni. Lui e Kate decidono quindi di ribellarsi al diabolico piano della famiglia Folan e scappano. Ma, nonostante provino a reprimere le loro emozioni, non possono resistere all’attrazione reciproca: il loro disperato viaggio per mettersi in salvo diventa così un’avventurosa fuga d’amore...


1863: una nave si schianta contro la scogliera di Cape Race, al largo della costa statunitense, ma uno dei passeggeri, un conte proveniente dalla Transilvania, scampa miracolosamente al naufragio. Di lì a poco, il misterioso uomo riuscirà ad arrivare a New York e ad ambientarsi rapidamente nell’alta società, quella che conta e che, in maniera più o meno lecita, comanda. Ma qualcuno è già sulle sue tracce: la giovane Echo Van Helsing, figlia del famoso professor Abraham. New York, ai giorni nostri. Durante la costruzione di un palazzo, viene fatta una straordinaria scoperta: i resti di un uomo, un  ufficiale della Marina, assassinato nell’Ottocento. A indagare vengono chiamati l’archeologa Carrie Norton e il detective Max Slattery. Numerosi indizi, infatti, ricollegano quell’omicidio lontano nel tempo ad alcuni brutali delitti avvenuti di recente in città. Ben presto quella che sembrava un’ipotesi fantascientifica si dimostra terribilmente reale. Passato e presente si intrecciano in una spirale di sangue e morte, e nelle strade buie della Grande Mela rivive l’immortale leggenda del vampiro più celebre della storia: il conte Dracula.


Hastings, East Sussex, 19 gennaio 1999. Hanno solo dieci anni, Charlene Lunnon e Lisa Hoodless, quando una mattina vengono rapite, per strada, mentre stanno andando a scuola. Per tre interminabili giorni rimangono segregate in uno squallido appartamento, ripetutamente violentate, obbligate al silenzio e sottoposte alla follia di una mente perversa. Fino a quando accade il miracolo: la polizia fa irruzione nel palazzo e il rapitore, un pedofilo appena uscito di prigione, viene arrestato. Ma la libertà non è la fine dello strazio: negli anni successivi le due ragazze dovranno lottare contro il peso insostenibile dei ricordi per ricominciare una vita normale. E per provare a ricucire la loro grande amicizia, distrutta da un orrore indicibile. Scritta con lucidità e coraggio, Le bambine silenziose è la storia vera di un orribile sequestro e della dura lotta per ritornare, nonostante tutto, a vivere.

Per le altre due new entry devo invece ringraziare la casa editrice Garzanti che mi ha gentilmente inviato "La contessa Nera" che desideravo moltissimo e "L'anello dei ghiacci":



Ungheria, 1611. L'alba illumina l'imponente castello di Csejthe. Nella torre più alta, una donna completamente vestita di nero è sveglia da ore. Il suo sguardo austero è rivolto verso una feritoia nel muro che mostra solo un piccolo squarcio di cielo. Quello squarcio di cielo è l'unica cosa che scorgerà per il resto della vita.Murata viva in quella stanza fino alla morte: così ha decretato il conte palatino. Ma la contessa Erzsébet Báthory non ha nessuna intenzione di accettare supinamente il destino che le viene imposto. Non l'ha mai fatto nella sua vita.
Fin da bambina Erzsébet è stata una ribelle, innamorata solo dei libri e delle folli corse con il suo cavallo, sorda ai severi insegnamenti della madre sulle arti femminili. Ha solo sei anni quando, nella sua dimora tra i freddi monti della Transilvania, assiste ad atti di violenza indicibili. Atti che la segnano nel profondo e che non dimenticherà mai. Neanche quando, appena adolescente, è costretta a sposare l'algido e violento Ferenc Nádasdy. Un uomo sempre lontano, più interessato alla guerra e alle scorribande che a lei. Erzsébet è sola, la responsabilità dei figli e dell'ordine nel castello di Sárvár è tutta sulle sue spalle. Spetta a lei gestire alleanze politiche e lotte di potere. Lotte sanguinose, piene di sotterfugi e tranelli, che fanno emergere la parte più oscura della contessa, un'anima nera. Strane voci iniziano a spargersi sul suo conto. Sparizioni di serve torturate e uccise, nobildonne svanite nel nulla. Chi è davvero la donna imprigionata tra le gelide pietre di Csejthe? È solo vittima di una cospirazione per toglierle il potere? O il male è l'unico modo per Erzsébet di sopravvivere in un mondo dominato dagli uomini?
Un romanzo magistrale e potentemente evocativo. Venduto in tutto il mondo dopo agguerrite aste, La contessa nera si ispira alla figura della prima serial killer della storia, Erzsébet Báthory, la contessa sanguinaria. Padrona spietata, torturatrice di centinaia di giovani donne, assassina crudele. Questo è quello che dice la leggenda. Ma la verità è un'altra. È la verità di una donna fragile, inquieta, ribelle. Con tutte le sue debolezze, ma anche tutta la sua forza. 

 Islanda. Dintorni di Reykjavík. Il cielo non è mai stato così scuro e minaccioso. Le nuvole basse quasi toccano le nere acque del lago. Il detective Magnus Jonsonvede a malapena il corpo, immerso nella foschia. È il cadavere di Agnar Haraldsson, uno dei più importanti studiosi dell'opera di Tolkien. La sua è una morte apparentemente assurda. Ma forse una spiegazione c'è, o quantomeno un indizio. Perché il professore, poco prima di morire, era entrato in possesso di un'antica saga nordica. Un prezioso manoscritto vecchio di ottocento anni, forse la saga da cui Tolkien ha preso ispirazione per scrivere Il Signore degli Anelli. Ma del manoscritto e dei due uomini misteriosi che stavano trattando con lo studioso per impadronirsene si sono perse le tracce. Magnus non ha dubbi: deve ritrovarli e capire cosa faccia parte del mito e cosa della realtà. C'è una sola strada, scavare nel passato del professore. Un passato pieno di attività poco pulite e di personaggi inquietanti. Come l'enigmatica Ingileif. Dura e ribelle, ha vissuto un'infanzia segnata dalla tragedia e dalla menzogna. E non si fida di nessuno. Come Magnus, del resto. Anche lui è cresciuto in mezzo alla morte. E forse è l'unico in grado di conquistare la sua fiducia della ragazza. Perché è di lei che ha bisogno. È nei misteri della sua famiglia che si annida la verità. Una verità spaventosa. Un thriller mozzafiato. Balzato in testa alle classifiche inglesi a pochi giorni dall'uscita, ha consacrato Michael Ridpath nell'olimpo dei grandi autori del thriller.

Piatto ricco mi ci ficco!! ;)
Quale di questi titoli vi incuriosisce maggiormente? Io inizierei da "La contessa nera" perché lo bramavo da mesi ed ora finalmente è li che aspetta solo di essere letto!!! Ma sono curiosa di sapere i vostri pareri!

7 commenti:

  1. Sai che sono tremendamente invidiosa per questo!!!

    Fra questi ci sono tanti bei titoli che mi fanno gola, ma il mio portafoglio mi "soffocherebbe" se solo provassi a prendere qualche € per altri libri...

    Non è giusto!!! :(

    RispondiElimina
  2. Nu... mi dispiace vedere la faccetta triste!!
    Ti ho inviato un' e-mail!!! ;)

    RispondiElimina
  3. direi anche io La contessa nera *_*

    RispondiElimina
  4. Lo scrivo qui perchè non so dove altro metterlo: http://ichliebelibri.blogspot.com/2011/03/kreativ-blogger-award.html Premio! :) Bellissime new entry comunque!

    RispondiElimina
  5. Grazie Mary!!! ;) Passo da te!!!

    RispondiElimina
  6. Madòòò che voglia!!! bellissimiiiiiiiiiiiiii :-)! però pure io inizierei dalla contessa!!!!

    RispondiElimina
  7. Rosella... che piacere vederti qui da me!!! Spero ci sia presto il tuo libro nella mia rubrica "New Entry in my Library" ! ;)

    RispondiElimina