venerdì 11 marzo 2011

Anticipazione: "Il talismano della villetta" di Claude Izner

Parigi, 1894
 Una donna strangolata e un medaglione misterioso
 Un segreto nascosto tra le pagine di un libro

Sto parlando di un thriller misterioso, scritto a quattro mani dalle sorelle Liliane Korb e Laurence Lefèvre che si firmano con "Claude Izner", che sarà pubblicato dalla casa editrice Nord il 16 marzo 2011 

Titolo: Il talismano delle villette
Autore: Claude Izner
Prezzo copertina: 17,60 €
Pagine: 352
Data pubblicazione: 16 marzo 2011

Trama:

Parigi, febbraio 1894. È l’inverno più freddo del secolo e la città è sepolta sotto una spessa coltre di neve. Anche nella libreria Elzévir, al numero 18 di rue des Saints-Pères, l’atmosfera è a dir poco glaciale. Ma non per colpa del clima. È l’arrivo di Maurice Laumier, pittore, incallito donnaiolo ed ex rivale in amore di Victor Legris, a gelare gli animi. Questa volta, però, Maurice non è venuto per attaccar briga, ma per chiedere aiuto: qualche settimana prima, una sua cara amica è svanita nel nulla e ormai lui teme il peggio. Victor non vede l’ora di gettarsi a capofitto in una nuova avventura e, quando il cadavere della donna viene trovato nei pressi del macello della Villette, si precipita immediatamente sul luogo del delitto. Ed è proprio tra i vicoli di quel quartiere malfamato, tra ladruncoli e truffatori, che il libraio-investigatore s’imbatte nell’unico testimone dell’omicidio. Purtroppo l’uomo si rifiuta di parlare, limitandosi a consegnargli uno strano medaglione con inciso un unicorno nero. Seguendo la pista del misterioso gioiello, Victor lascia i bassifondi di Parigi per immergersi nei riti di una misteriosa società occulta, un ambiente tanto raffinato quanto pericoloso, dove gli iniziati sono disposti a tutto pur di custodire i loro segreti: perfino a uccidere…


Le autrici:

Claude Izner è il nom de plume delle sorelle Liliane Korb e Laurence Lefèvre. Liliane è nata a Parigi nel 1940 e, dopo aver lavorato come montatrice cinematografica, è stata a lungo bouquiniste sulla rive droite della Senna. Laurence è nata nel 1951 e, dopo la laurea in archeologia, ha pubblicato due romanzi. Anche lei è libraia. Parallelamente al loro lavoro, da diversi anni le due sorelle scrivono romanzi a quattro mani, ed è stata la loro passione per la Storia e per i romanzi gialli a spingerle a creare il personaggio di Victor Legris, libraio e investigatore nella Parigi del XIX secolo. Presso la Nord sono già uscite cinque indagini di Victor: Il mistero di rue des Saints-Pères (2006), La donna del Père-Lachaise (2007), Il delitto di rue Montmartre (2008), L’assassino del Marais (2009) e Il rilegatore di Batignolles (2010), riscuotendo un ottimo successo di critica e di pubblico.

3 commenti:

  1. Sembra interessante! Non ho mai letto questo genere, di solito piace a mamma e mia sorella; più che altro è che quelli che mi descrivono loro sono molto angoscianti e non è una sensazione che mi piace, anche se magari è solo perché sono di Stephen King :P
    Comunque me lo segno, non si sa mai!
    Non avevo sentito ancora di romanzi scritti a quattro mani... chissà come si fa, dev'essere difficile e lungo.

    Comunque, io devo ancora leggermi quel libro! Sono leeeeeenta!! xP E' che avevo altro da fare e preferisco leggere quando ne ho voglia, perché se mi costringo poi non me lo gusto. Ho anche comprato due nuovi libri, ma non sono dei romanzi; sono di Marco Travaglio e parlano uno dell'informazione (anzi, della disinformazione) in Italia e l'altro delle leggi ad personam che destra e sinistra si sono fatti negli ultimi quindici anni. Ho intenzione di acculturarmi un po'!;D
    Ah, ho anche cambiato grafica al blog: che ne pensi? Volevo qualcosa di più professionale ma che fosse anche carino.

    Un bacione!:D

    RispondiElimina
  2. Ciao tesoro, sono corsa subito sul tuo blog ed ho commentato li la nuova grafica!
    I libri che hai comprato non gli ho mai letti... non è esattamente un genere che mi incuriosisce però senza dubbio sarà una lettura interessante!
    Se a tua mamma e a tua sorella piacciono i thriller... consiglia loro di leggere "Non è un gioco" è una storia contorta ma molto carina, niente di inquietante però!!

    Un abbraccio forte! ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao!:D Sì, mi sembrava che non fosse proprio il tuo genere :P In effetti, fino a qualche anno fa non mi sarei mai sognata di leggerli, perché mi sarei addormentata alla decima pagina, però adesso la voglia di capire come vanno davvero le cose e l'aver scoperto un grande giornalista come Travaglio mi hanno fatto venir voglia di leggere anche questi libri.

    Grazie del consiglio, glielo dirò!;D Ne leggono molti di thriller, è i loro genere (mamma anche i gialli). Io invece sono più per il fantasy ^^

    Un bacione!

    RispondiElimina