mercoledì 2 febbraio 2011

New entries in my library (8)



Un solo nuovo titolo da presentarvi oggi nella rubrica New Entries in My Library, rubrica nata per condividere con voi tutti i libri che comprati, prestati o in omaggio entrano a far parte della mia libreria. Per la new entry di oggi devo ringraziare di cuore la casa editrice Garzanti che mi ha gentilmente inviato una copia omaggio di "Il ponte delle Sirenette" di Pederiali Giuseppe:

Una giovane donna, un ebreo fuggito da Salonicco e un manoscritto antico di valore inestimabile: tre destini diversi si intrecciano pericolosamente sullo sfondo di Milano occupata dai nazisti.



Titolo: Il ponte delle Sirenette
Autore: Giuseppe Pederiali
Editore: Garzanti Libri
Prezzo copertina: 18,60 €
Pagine: 384

Trama:
Abbandonata a sette anni sul Ponte delle Sirenette, ospite dell'orfanotrofio delle Stelline, adottata e ridotta in schiavitù, ragazza-madre, prostituta in via Fiori Chiari... La vita non ha sorriso alla bella Sirena, almeno fino all'incontro con Delio Tessa, l'avvocato autore di poesie dialettali splendide e cattive, che la salva dal manicomio di Mombello e dall'accusa di avere venduto la figlioletta. Sirena riesce a rifarsi una vita che culmina nell'incontro con Ignazio, enigmatico ebreo in fuga, apparso il giorno di Ferragosto del 1943, durante un bombardamento, con due valigie piene di libri che celano qualcosa di molto prezioso... Toccherà a un'altra Sirena, negli anni Sessanta, svelare i segreti più nascosti, con l'aiuto di Beppe Pedroni, giornalista innamorato di lei e della sua maniera di cantare le poesie di Tessa sul palcoscenico dei cabaret. La bambina sparita, il tesoro di Ignazio, la genìa delle sirene: il passato torna a lampi e illumina, riscalda ma anche rischia di bruciare il presente della giovane donna, attrice e cantastorie nella Milano dei giorni frenetici del boom e delle notti magiche con Giorgio Gaber, Ornella Vanoni, Luciano Bianciardi, Giorgio Strehler...
Un romanzo lungo mezzo secolo, con due protagoniste più forti del destino e della storia scritta dagli uomini. Attraverso una vicenda appassionata e intrigante, fitta di suggestioni e di personaggi, orchestrata da una limpida scrittura che fa vibrare le corde del sentimento e dell'avventura, Giuseppe Pederiali ci regala il ritratto di due donne indimenticabili e di un'Italia con i suoi inferni e paradisi vecchi e nuovi.

Come vi sembra? A me la trama piace... spero non si dilunghi troppo in dettagli storici che a parer mio risulterebbero noiosi... a parte questo, mi incuriosisce molto!

2 commenti:

  1. Mi sembra interessante! Forse in questo momento non lo leggerei, perché avendo tanto da studiare sono più propensa verso letture dai temi meno impegnativi, però resta il fatto che mi sembra interessante.
    Poi bisogna vedere, come dici tu, se si insiste troppo sui dettagli storici; se non è una cosa fatta bene, rischia di essere pesante.
    Facci sapere com'è!:D

    RispondiElimina
  2. Quoto... le letture impegnative vanno sempre alternate a quelle rilassanti! Infatti, per ora darò la priorità ad altro... ma vi farò senza dubbio sapere cosa ne penso! ;)

    RispondiElimina