venerdì 21 gennaio 2011

"Sopdet - La stella della morte" di Lara Manni dall' 11 febbraio

Una storia nata un pò per gioco, ispirata ad un manga e pubblicata a puntate sul più grande sito di fan fiction: EFP. Una storia che diventa all'improvviso una vera e propria saga fantasy riscuotendo notevole successo.
La casa editrice Fazi, distribuirà il secondo capitolo l'11 febbraio:


Titolo: Sopdet - La stella della morte
Autore: Laura Manni
Editore: Fazi
Collana: Lain
Prezzo copertina: 16,00 €

Pagine: 256



Trama:
Nati sulle pagine di uno dei manga più famosi, i demoni Hyoutsuki e Yobai hanno preso sembianze umane e grazie a una congiunzione astrale hanno valicate le soglie della loro dimensione e raggiunto il mondo degli umani. Ivy, un'adolescente romana, da sempre appassionata lettrice, sogna di poter incontrare Hyoutsuki. Non sa ancora che sarà proprio lei a salvarlo, cambiando il finale della sua storia.
Hyoutsuki e il suo mortale nemico Yobai sono impegnati da millenni in una partita fatale che nelle pagine del libro di Lara Manni tocca tre diversi momenti della storia italiana: sul Carso, durante la prima guerra mondiale; sul lago di Meina, fra l'armistizio e Salò; a Roma, nel 1977. Combattono per uccidere o per proteggere Ivy, che nel tempo presente fugge da altri nemici e conosce nuovi alleati. Ma quando i mondi si incontrano non c'è comunque scampo. I demoni diventano più simili agli uomini, e gli uomini - e le donne - acquistano poteri che forse non desiderano. Perché c'è una soglia, tra luce ed ombra, che non può essere violata nemmeno con lo sguardo.
Ma cosa accade a un demone quando entra in contatto con il mondo degli uomini, e ne conosce gli orrori?
 
La trilogia è composta da:
  • Esbat
  • Sopdet 
  • Tanit
Il primo capitolo della saga: Esbat



Titolo: Esbat - La stella della morte
Autore: Laura Manni
Editore: Feltrinelli
Collana: Lain
Prezzo copertina: 16,50 € 
Pagine: 276



Trama:
Ha cinquant'anni, disegna manga, è conosciuta con il nome di Sensei - maestra - e ha fan sparsi ovunque nel mondo. Inventa storie piene di buoni sentimenti ambientate in mondi fantastici, e da anni disegna La leggenda di Moeru, un manga di successo planetario di cui ora si sta accingendo a finire le ultime tavole. La Sensei è una donna superba che gestisce il proprio successo con orgoglio e sapienza: poche apparizioni pubbliche la avvolgono in un'aura di mistero e le permettono di non entrare in contatto coi propri lettori che disprezza profondamente. Una notte di luna piena, proprio mentre sta per mettere la parola fine al suo manga più celebre, riceve la visita di un ospite inatteso: è Hyoutsuki-sama, principe demoniaco antagonista di Moeru. La Sensei crede di essere impazzita, ma ben presto si convince che Hyoutsuki-sama è un'entità reale, che ha abitato per anni il mondo che ha creato e che ora ha attraversato per reclamare un finale diverso. La Sensei se ne innamorala l'amore con lui e gli propone un patto: un finale diverso in cambio di altri sei mesi in cui il demone verrà richiamato e sarà a sua disposizione per una notte al mese. Per far ciò è necessario eseguire un rito - Esbat - che richiede alla Sensei di sacrificare parti del proprio corpo. Dopo essersi tranciata alcune dita di una mano e di un piede, la Sensei decide di "sacrificare" i propri fan, che attira a casa con la promessa di un disegno autografo.
--------------------------------------------- 
Lara Manni
E' nata e vive a Roma, trafficando tra librerie e biblioteche. Dal 2006 scrive fan fiction su Efp con lo pseudonimo di Rosencrantz. Nel 2009 ha pubblicato il romanzo Esbat con Feltrinelli. Non ha un gatto, ma ha un blog Lara Manni su cui scrive di se:

"Che faccia ha Lara?
Ha una faccia, questo posso garantirlo: qualcuno l’ha vista dal vivo, qualcun’altro in fotografia. Però non le piace molto mostrarsi. Un po’, è vero, per timidezza. Un po’ perché pensa che i narratori di storie non dovrebbero avere un volto: perché le storie sono più importanti di chi le racconta, e non dovrebbe essere importante il colore dei capelli (biondi, comunque) o quello degli occhi (neri, comunque)."

Nessun commento:

Posta un commento