lunedì 31 gennaio 2011

Recensione: "Proibito" di Tabhita Suzuma

Ho praticamente divorato questo libro, per finirlo mi sono bastate meno di dieci ore... ha soddisfatto appieno tutte le aspettative che erano cresciute nell'attesa della sua pubblicazione. Il libro in questione è "Proibito", distribuito dalla casa editrice Mondadori il 25 gennaio e che ha già tanto fatto parlare di sè!

 Titolo: Proibito
Autore: Tabitha Suzuma
Editore: Mondadori
Collana: Shout
Prezzo copertina: 16,00
Pagine: 320

Trama:
Lochan ha quasi 18 anni, è chiuso e solitario. Maya ne ha 16, è molto sensibile e più matura di quello che la sua età richiederebbe. Sono fratelli, e hanno altri tre fratellini più piccoli da accudire: Kit, Tiffin e Willa, la loro ragione di vita e la loro preoccupazione più grande da quando papà gli ha abbandonati per una nuova famiglia e la mamma ha iniziato a bere e si è trovata un altro uomo. I giorni passano e solo una cosa ha senso: essere vicini, insieme, legati , essere forti contro tutto e tutti. Per Maya, Lochan è il migliore amico. Per Lochan, Maya è la sua unica confidente. Ma cosa succede quando un vortice di sentimenti ti trascina verso un'attrazione fatale? Se il legame diventa così stretto e subentra l'attrazione fisica, la passione, la gelosia, la dipendenza? Un bacio, un momento di passione e poi la catastrofe è inevitabile

Recensione: 
E'  un tema estremamente delicato quello che l'autrice Tabhita Suzuma ha scelto di trattare in quest'emozionantissimo libro. Un tema che conosciamo perchè spesso sono i telegiornali a parlarcene, un tema che spesso è il mandante di tante notizie di cronaca nera: l'incesto.
Argomento di cui rimaniamo sconvolti e disgustati e per cui proviamo ribrezzo. Argomento che magari, scoprendolo essere il filo conduttore di una trama, può indurci ad essere diffidenti di fronte al libro e spingerci a pensare all'autrice come ad una persona strana.
Con il cuore in mano, vi chiedo di non avere pregiudizi verso "Proibito" e soprattutto di non far esitare la vostra mano quando dovrete metterlo nel carrello perché questo libro, questa storia riuscirà a toccare il cuore anche delle persone meno sensibili.
Dopo averlo finito di leggere in meno di dieci ore, sono ancora qui a chiedermi come abbia fatto la scrittrice Suzuma a rendere così unico un'amore che dovrebbe risultare "malato". Un'amore tra due ragazzini quasi coetani: Lochan, 18 anni e Maya, 16 anni. Due ragazzini che della loroetà anagrafica hanno solo un lontano ricordo e che sono stati costretti a maturare e diventare adulti molto prima del dovuto. Si ritrovano infatti inaspettatamente abbandonati dal padre, affidati ad una madre che spendi tutti i suoi soldi in vestiti e scarpe nella vana speranza di apparire più giovane e attraente agli occhi del suo nuovo compagno Dave, con il quale decide tacitamente di andare a vivere, rientrando a casa di rado e ubriaca.
Lochan e Maya si ritrovano così soli, ad accudire gli altri tre fratellini (rispettivamente di 13, 8 e 5 anni), a mandare avanti la casa, tentare di condurre una vita da studenti decente e soprattutto cercando di comprire l'assenza e la dipendenza dall'alcool della madre agli assistenti sociali che se mai venissero a conoscenza della situazione darebbero senza dubbio tutti e 5 in affidamento.
E' in questo clima che Lochan e Maya vivono costretti ad indossare una maschera agli occhi del resto della società, costretti a farsi forza l'uno con l'altra.

"E' tutta una farza. Anche gli altri fingono. Kit si sarà pure affidato a un gruppetto di ragazzini che sputano in faccia all'autorità, ma in fondo loro hanno paura come tutti. Ridono degli altri e se la prendono con gli sfigati solo per sentirsi parte di qualcosa. E neanch'io sono molto diversa. Posso sembrare una tipa sicura ed estroversa, ma passo gran parte del mio tempo a ridere di battute che non mi divertono, a dire cose che non penso sul serio. Perchè alla fine è quello che cerchiamo di fare: integrarci, in un modo o nell'altro, tentando disperatamente di illuderci che siamo tutti uguali" - Pag.31-
Ma una maschera, se indossata tutti i giorni, può fare veramente molto male: più agli occhi degli altri appari frizzante e sereno, e più dentro ti senti logorato e distrutto.
La sola e unica speranza che Lochan e Maya hanno è quella di farsi forza l'uno con l'altra... di continuare a fidarsi l'uno dell'altra... di farsi forza a vicenda... di volersi bene.
Ma la linea che separa il semplice affetto fraterno da un affetto molto più forte, per questi due ragazzi che non hanno niente e nessuno al mondo, è sottile... troppo sottile.

"Il sentimento era lì che covava da anni, salendo giorno dopo giorno sempre più vicino alla superficie. Era solo questione di tempo prima che squarciasse la fragile ragnatela del nostro rifiuto mentale, obbligandoci a guardare in faccia la realtà e ad ammettere ciò che siamo: due persone innamorate di un amore che nessuno potrà mai capire" -Pag 159-
Tabhita Suzuma descrive quindi la crescita di un amore che gli stessi protagonisti sanno di non poter vivere... un amore immorale e illegale... un amore che in un altro caso ci avrebbe fatto inorridire e che invece, grazie all'innocenza dei due protagonisti non possiamo che finire col volerlo proteggere
La scrittrice, a parer mio, non scrive questa storia solo per creare e vendere un libro "innovativo" ma per farci fermare a riflettere che a volte le situazioni non vanno giudicate a priori, che non bisogna additare e criticare senza prima fermarsi a conoscere e soprattutto che anche una storia nata dalla trasgressione di una legge e di una morale... può invece scavarci nel profondo e farci scendere una lacrima!

5 commenti:

  1. Sara, dopo aver letto la tua recensione non ho più dubbi: Proibito è ufficialmente nella mio carrello.

    Ho letto fino adesso solo commenti positivi e aggiungendo adesso il tuo so che andrò sul sicuro.

    Grazie!!!
    E grazie per la tua splendida recensione.

    Buona Serata.

    RispondiElimina
  2. Sono davvero felicissima che ti sia piaciuta... questa recensione l'ho scritta veramente senza rifletterci, l'ho scritta d'impulso e con il cuore! Ed è allo stesso modo che il libro va letto!
    Fammi sapere cosa ne pensi poi! :)
    Kiss

    RispondiElimina
  3. Sara, scrivi benissimo!!! Sto seguendo i vari commenti delle blogger che hanno letto questo libro. Sembra davvero un libro imperdibile.
    Devi acquistarlo :)

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Giuliana!
    Io ti consiglio davvero di mettere questo titolo in cima alla wish list perchè merita veramente di essere letto! ;)

    RispondiElimina
  5. mi ero persa questa recensione, per fortuna grazie a 'pagina 99' l'ho recuperata ^_^
    mi ha davvero colpita sia il libro sia il tuo parere e sono assolutamente decisa a leggerlo... già nel mio "pozzo dei desideri" :-)

    RispondiElimina