mercoledì 5 gennaio 2011

Recensione : " Iris - Fiori di cenere " - Maurizio Temporin


" Ero in un deserto di cenere , sotto un cielo di luna, al cui centro si trovava un buco di notte "

---------------------------------------------------------------


Titolo: Iris - Fiori di cenere
Autore : Maurizio Temporin
Prezzo copertina: 14,90 €
Pagine: 382

Trama:
Ha 17 anni, frequenta la scuola e pochi amici scelti. Una ragazza come tante, almeno in apparenza. Una fiaschetta l'accompagna: non è alcol ma caffè, perché la stranezza più grande di Thara è che non riesce a tenersi sveglia per tutto l'arco della giornata e si sente in forza soltanto all'alba e al crepuscolo. La sua vita si dipana tra le rivalità scolastiche e la voragine comunicativa con la madre. Finché un giorno, cercando di rubare dal giardino di una villetta misteriosa un iris, cade in un sonno profondo e si risveglia in una realtà di cenere. Da quel momento Thara diventa Iris e scopre cosa vuole dire essere una Crepuscolare, figlia di terrestre e di un Nocturno. Una saga urban, una nuova eroina, un nuovo incredibile mondo parallelo. Non un fantasy, ma un'incursione nei mondi possibili.

E' da un pò di giorni che mi ritrovo davanti il foglio bianco cercando invano di recensire questo libro. Qualsiasi parola, aggettivo o metafora mi sembrano inopportune... se non è facile descrivere un'emozione , come può esser facile descriverne un intero vortice?
Così, solo per un attimo .. voglio provare a chiudere gli occhi, a mettere da parte quel briciolo di razionalità che mi dice di seguire i parametri canonici di una classica recensione.
Il foglio che ho davanti all'improvviso non è più bianco, piccoli e impalpabili fiocchi di cenere si posano delicatamente su di esso e con stupore mi rendo conto che il loro ordine non è casuale: stanno formando delle lettere, dei nomi, delle immagini...
Vedo il volto di una ragazza.... ma ... c'è qualcosa che non va, la cenere dovrebbe essere grigia ed invece.. nell'immagine che ho davanti la ragazza, che scopro chiamarsi Thara, ha gli occhi viola.
Altri volti si sovrappongono al suo , tutti nitidi ed estremamente rappresentativi: un ragazzo di nome Nate, con il suo sguardo illumina il mio foglio di mille colori... ma sembra triste... scopro infatti che il suo corpo e la sua anima sono intrappolati in uno strano posto da cui non sa uscirne.
La cenere dopo avermi presentato Nate, fa apparire sul mio foglio una frase:
" Ero in un deserto di cenere , sotto un cielo di luna, al cui centro si trovava un buco di notte "
E' leggendo queste parole che una folata di  vento mi avvolge e in un inebriante profumo di Iris... e sono lì , al fianco di Thara, al posto di Thara a percorrere con lei il suo magico viaggio: visito e mi avventuro anch'io nel deserto di cenere, incontro e mi innamoro anch'io del ragazzo dagli occhi color arcobaleno, mi avventuro nella ricerca per scoprire come salvare Nate e nel frattempo cerco di scoprire qualcosa di più sul passato che nemmeno Thara conosce. Mi imbatto in dubbi e perplessità , insieme a Thara , sull'identità di quel padre che non ha mai conosciuto, dividendomi sempre tra quella che sembra esser la realtà e quel posto che invece di reale ha ben poco: creature di cenere, edifici che si scompongono e si riconpongono, fiamme viola che generano nuovi edifici o foreste di cenere... un mondo parallelo e stravagante che nasconde molti segreti. Segreti che Thara deve affrontare anche nella realtà, segreti che la portano faccia a faccia con uno psicopatico ed affascinante personaggio : Ludkar.
Ho ancora nella mente quei capelli rossastri e quella grande bocca nera.
Vorrei continuare ad inebriarmi di questo profumo di Iris , vorrei continuare a godermi questo mondo fantastico ricco di colpi di scena, vorrei poter continuare ad affascinarmi guardando l'arcobaleno in quegli occhi... vorrei ...
vorrei tanto complimentarmi con Maurizio Temporin per questa magica, folle, emozionante e senza dubbio innovativa storia che ci ha regalato.
Ma..... ahimè... devo confessare a voi che state leggendo questa recensione , che nel turbinio di complimenti ed elogi, c'è anche un piccolo ma importante difetto: " Iris - fiori di cenere " è uno di quei libri per cui rinunceresti anche a dormire pur di continuare a leggere, ma che nel profondo speri non finisca mai. :)


Inutile aggiungere che vi consiglio di affrettarvi a procurarvi una copia di questo libro , di cui a quanto sembra è prevista anche la versione manga !



Vi consiglio di dare una sbirciatina al sito ufficiale di Maurizio Temporin , c'è da passarsi delle ore nelle sue stravaganze. E se ne avete l'opportunità soffermatevi nella sezione "Bibliografia" e leggete le trame delle sue graphic novel e dei libri.... soprattutto questa:


3 commenti:

  1. UAUUU!!!

    La tua recensione è stata brillante!!!
    Mi hai fatto venire i brividi...
    ...davvero complimeti Sara!!!

    Se la tua recensione è così "spettacolare" non oso immaginare cosa sarà il libro...

    Ho solo un dubbio: e un Y.A.?

    RispondiElimina
  2. Si Blake, Iris nasce come young adult urban fantasy con un pizzico di romance... ma ti assicuro che non ha nulla in comune agli altri young adult!E' proprio l'originalità della storia e dei personaggi che ti costringe ad amare il libro!

    Sono contenta che la mia recensione ti sia piaciuta! :)

    RispondiElimina
  3. Penso proprio che ci farò un pensierino.

    RispondiElimina