domenica 26 dicembre 2010

Recensione: "Chi ama torna sempre indietro" - Guillaume Musso

Titolo: Chi ama torna sempre indietro
Autore: Guillaume Musso
Prezzo copertina: 6,90 €
Pagine: 340
Trama:
Elliott è un uomo di successo. Sessantenne, è un chirurgo di fama, vive a San Francisco e la sua vita privata ruota tutta attorno all'adorata figlia Angie. Un'unica ombra in questo quadro perfetto: Ilena, il suo grande amore, lo ha lasciato solo trent'anni addietro, morendo in un tragico incidente. Un dolore immenso che nemmeno il tempo ha saputo lenire. Per una strana combinazione di eventi, un giorno gli viene data l'occasione di tornare indietro negli anni Settanta, quando era un giovane medico ambizioso e idealista, entusiasta della vita e del proprio lavoro, e perdutamente innamorato. Immerso in quel magico momento di felicità, Elliott si confronta con il passato vivendo intensi momenti di rimpianto e di passione. Purtroppo una scelta dolorosa lo attende: ora sa che un suo semplice gesto potrebbe salvare Ilena e modificare per sempre il corso di quel destino crudele, ma compierlo significherebbe dover rinunciare all'altro grande amore della sua vita: la figlia... 


Recensione:
Una storia stravagante e inverosimile quella che l'autore Guillaume Musso ci propone in questo libro piacevole e scorrevole.
E' la storia di un uomo, Elliot, che riesce a viaggiare nel tempo grazie a delle pillole dorate ricevute in dono dal capo del villaggio in cui si trova per una missione umanitaria e grazie alle quali incontra se stesso trent'anni più giovane.
"Chi ama torna sempre indietro" però non è solo un banale racconto fantascientifico sui viaggi nel tempo, ma è molto di più. E' un delicato e bellissimo elogio all' Amore in tutte le sue sfaccettature . L'Amore incondizionato per la compagna di vita Ilenia, Amore fulcro dell'intero libro e causa dei viaggi nel tempo, Amore per cui Elliot è disposto a tutto anche a rinunciare alla stessa Ilenia più di saperla felice. Vi è poi l'Amore o meglio l'affetto profondo e sincero verso l'amico Matt, amico di cui Elliot riesce a fidarsi ciecamente anche dopo trent'anni di silenzi e di assenze.
Non meno importante l'Amore paterno verso la figlia Angie, un'Amore che Elliot era convinto di non saper dare.
L'Amore... il filo conduttore di questa storia che ci catapulta in due diversi periodi temporali: nel 1976 con un Elliot insicuro e impulsivo che sta iniziando ad affermarsi come chirurgo pediatrico , e nel 2006 con un Elliot ormai razionale e maturo che ha vissuto abbastanza esperienze per comprendere di più la vita.
Il tutto raccontato con un linguaggio semplice e adatto a tutti, senza però farsi mancare contenuti profondi, al contrario vi è infatti un aforisma che apre e anticipa il contenuto di ogni capitolo. Eccone alcuni:

" Attraverso il presente con gli occhi bendati (...) Solo più tardi , quando la benda viene sciolta e analizziamo il passato , ci rendiamo conto di ciò che abbiamo vissuto e ne comprendiamo il senso " Milan Kundera 

" A vent'anni si danza al centro del mondo . A trenta si vaga dentro il cerchio. A cinquanta si cammina lungo la circonferenza evitando di guardare sia l'esterno che l'interno. In seguito non importa: privilegio dei bambini e dei vecchi  essere invisibile " Christian Bobin
" E quando poi davanti a te si apriranno tante strade e non saprai quale prendere , non imboccarne una a caso , ma siediti e aspetta . Respira con la profondità fiduciosa con cui hai respirato il giorno in cui sei venuto al mondo , senza farti distrarre da nulla , aspetta e aspetta ancora. Stai ferma in silenzio e ascolta il tuo cuore. Quando poi ti parla , alzati e va dove lui ti porta." Susanna Tamaro

Io, che tendenzialmente non amo i libri che parlano d'amore ... ho apprezzato questo libro dalla prima all'ultima parola. Quindi per consigliarvelo voglio riportarvi alcuni piccoli pezzi tratti dallo stesso romanzo:

"Nei periodi di quiete, si crede sempre di averli sconfitti . Ci si immagina di essere riusciti finalmente a scacciarli. Di averli allontanati per sempre. In via definitiva. Ma non è quasi mai vero. Il più delle volte  i nostri Demoni ci restano accanto, nascosti nell'ombra aspettando pazienti il momento in cui abbasseremo la guardia...E quando l'amore svanisce..."Pag. 209

"Perchè bisogna pur arrendersi all'evidenza: il libero arbitrio , la capacità di determinare il proprio futuro, è solo un'illusione. La verità è che le nostre esistenze sono programmate e che è inutile opporsi a questa programmazione. (...) Il futuro non si crea vivendo giorno per giorno .In sostanza la rotta è già segnata e non c'è altra soluzione che seguirla. Passato, presente e futuro costituiscono un unico blocco che risponde al nome orribile di FATALITA'  " Pag. 242 

Il mio voto è 7

4 commenti:

  1. Il libro sembra molto interessante, così come i temi che tratta. però personalemente non sono d'accordo con l'ultimo estratto quello di pagina 242 ;))

    Grazie comunque della bella recensione!
    e ancora auguri (anche se un po' in ritardo)

    RispondiElimina
  2. Morna...ho riportato quel tratto solo perchè mi piaceva com'era scritto... nemmeno io concordo e nemmeno l'autore, il libro stesso dimostra il contrario. Quelle parole sono state dette in un momento di sconforto del protagonista! ;)
    Sono contenta che la recensione ti sia piaciuta!

    Grazie per gli auguri e buone feste anche a te!

    RispondiElimina
  3. Libro parecchio interessante, mi piacciono i viaggi nel tempo e, quando è ben scritto ovviamente, il tema dell'amore... Quasi quasi ci faccio un pensierino :D

    RispondiElimina
  4. Tra poco uscirà il nuovo romanzo di Musso: "La ragazza di carta" ... quindi magari nell'attesa potete leggere "Chi ama torna sempre indietro".. secondo me è il suo perfetto biglietto da visita! ;)

    RispondiElimina