lunedì 25 ottobre 2010

" Il libro delle anime - Clenn Cooper " leggete il prologo in anteprima

Titolo: Il libro delle anime
Autore: Glenn Cooper
Pagine: 432
Prezzo copertina: 19,60 €






Trama: 
È un libro, un semplice libro antico.
Ma custodisce un segreto.
Un segreto che è stato scritto col sangue nel 1297, da innumerevoli scrivani coi capelli rossi e con gli occhi verdi, forse toccati dalla grazia divina, forse messaggeri del diavolo. Che è riapparso nel 1334, in una lettera vergata da un abate ormai troppo anziano per sopportare il peso di quel mistero. Che, nel corso del XVI secolo, ha illuminato la strada di un teologo, i sogni di un visionario e le parole di un genio.

È un libro, un semplice libro antico.
Ma sta per scatenare l'inferno.
Perché quel libro dovrebbe trovarsi nella Biblioteca dei Morti, la sconfinata raccolta di volumi in cui è riportata la data di nascita e di morte di tutti gli uomini vissuti dall'VIII secolo in poi. E, dopo essere rimasto sepolto sotto la polvere della Storia per oltre settecento anni, adesso è riemerso ed è diventato un'ossessione per Will Piper, deciso a cancellare il dolore che la Biblioteca ha portato nella sua vita; per Henry Spence, che ha dedicato la sua esistenza alla soluzione dell'enigma e che ormai ha i giorni contati; per Malcolm Frazier, il capo della sicurezza della Biblioteca, determinato a uccidere pur d'impedire al mondo di conoscere la verità. Un'ossessione che inevitabilmente porta altro dolore, altri enigmi, altro sangue.

È un libro, un semplice libro antico.
Ma è il Libro delle Anime.
E il suo segreto è il nostro destino.

Guardate anche il book trailer per farvi un'idea più chiara:


Oggi voglio farvi leggere le prime pagine del prologo che è distribuito sul sito ufficiale del libro: Il libro delle anime

Dopo oltre trent’anni nell’antiquariato librario, Toby Parfitt
sapeva che l’unico momento in cui non poteva trattenere
un brivido d’eccitazione era quando infilava le mani
in una cassa da imballaggio appena arrivata.
La sala di catalogazione della casa d’aste Pierce &
Whyte si trovava nel seminterrato, perfettamente isolata
dal rumore del traffico di Kensington High Street, a Londra.
Toby stava bene lı`, nel silenzio del suo comodo e
vecchio laboratorio, coi tavoli di quercia levigata, con le
lampade a collo di cigno e con gli sgabelli ben imbottiti.
L’unico rumore era il gradevole fruscio della carta da imballaggio
che lui tirava fuori a manciate e gettava via.
Ma, con sua grande irritazione, quel momento venne
disturbato da un respiro affannoso e sibilante.
Toby alzo` gli occhi sul viso butterato di Peter Nieve e
lo saluto` con un cenno del capo. Il piacere della scoperta
era rovinato. Non poteva mica dire al ragazzo di levarsi
dai piedi, no?
«Ho saputo che e` arrivato il lotto di Cantwell Hall »,
disse Nieve.
«Sı`, ho aperto or ora la prima cassa. »
« Sono arrivate tutte e quattordici, spero. »
« Perche´ non controlli? »
« Volentieri, Toby. »
Quel piglio familiare gli era insopportabile. Toby! Non
«Mr Parfitt » e neppure « Alistair », no: « Toby », il nome
che usavano i suoi amici. I tempi erano sicuramente cambiati
– in peggio –, ma lui non aveva la forza di andare
controcorrente. Se quel giovanotto che lavorava lı` soltanto
da due anni si sentiva autorizzato a chiamare « Toby »
il responsabile della Sezione libri antichi, lui non poteva
che accettarlo. Era difficile trovare un aiuto qualificato e
Nieve, con la sua laurea in Storia dell’arte conseguita a
Manchester, era il meglio che ci si poteva procurare per
ventimila sterline all’anno. Se non altro, il giovane si
cambiava camicia e cravatta ogni giorno, sebbene i colletti
troppo larghi per il suo collo scarno dessero l’impressione
che la testa fosse attaccata al tronco con un piolo.
Toby strinse i denti mentre l’altro contava fino a quattordici.
«Ci sono tutte. »
« Bene. »
« Martin ha detto che saresti stato contento del lotto. »
Toby non andava piu` a casa dei clienti; lasciava quell’incombenza
a Martin Stein, il vicedirettore. In verita` ,
aveva sempre detestato la campagna, facendo un sacco
di storie ogni volta che gli era stato chiesto di andare fuori
citta` . Di tanto in tanto, veniva fuori che un cliente aveva
alcuni pezzi rari e allora Pierce & Whyte cercava di strappare
l’affare a Christie’s o a Sotheby’s. « Mi creda », gli
aveva assicurato Stein, « se vengo a sapere di un Second folio,
di una bella edizione delle Bronte¨ o di un Walter Raleigh,
mi precipito alla velocita` della luce, anche se si trovano
nello Shropshire. » Da quello che Toby aveva capito,
il tesoro di Cantwell Hall era modesto,ma Stein aveva aggiunto
che si trattava di un lotto abbastanza vario.
Lord Cantwell era un cliente tipico, un uomo d’altri
tempi che si dannava per conservare la propria fatiscente
residenza di campagna svendendo di tanto in tanto qualche
mobile, quadro, libro o pezzo d’argenteria, cosı` da tenere
a bada il fisco ed evitare che tutto andasse in malora.

Per continuare a leggere il prologo vi basta inserire la vostra e-mail nello spazio apposito e riceverete il prologo in pdf del tutto gratuitamente!

5 commenti:

  1. Ho divorato "La Biblioteca dei Morti" - il prequel - e non potevo non mettere le mie zampette su "Il Libro dei Morti". L'ho comprato un pò di tempo fa, ma ancora non l'ho letto perchè sto terminando un'altra saga. Se manterrà il tenore del precedente, anche questo libro sarà uno spettacolo ^___^ Poi magari, appena lo terminerò, ti farò sapere.

    RispondiElimina
  2. Io probabilmente lo riceverò per il mio compleanno (ormai devo aspettare solo 10 giorni ) e non vedo l'ora di leggerlo!
    Fammi sapere appena l'hai letto!!! ;*

    RispondiElimina
  3. Prima o poi questi due saranno miei... E' da troppo tempo che ci girottolo intorno e devo averli!

    RispondiElimina
  4. LI HO PRATICAMENTE RISUCCHIATI DALLE PAGINE , NEI GIORNI IN CUI MI SONO DEDICATO A QUESTA LETTURA AVEVO IN CONTINUAZIONE L'ASSILLO DI TROVARE IL TEMPO DA DEDICARE A LORO , SONO ENTRAMBI FANTASTICI , IL LIBRO DELLE ANIME POI RITENGO SIA ANCHE PIU' COMPLETO PER I RIFERIMENTI STORICI E CULTURALI CHE SEMBRANO RACCONTARE UNA STORIA VERA........, PERCHE' NON E' UNA STORIA VERA ?... O DEVO PREOCCUPARMI .....?
    GIANLUCA PIOLA begin_of_the_skype_highlighting     end_of_the_skype_highlighting 27 DICEMBRE 2010

    RispondiElimina
  5. Io ho appena ricevuto il libro per Natale... non mi sono ancora avventurata nella lettura e non vedo l'ora di farlo! Tra pochissimo uscirà il nuovo libro di Glenn Cooper.. se ti sono piaciuti i due precedenti non puoi fartelo sfuggire!
    Puoi saperne di più qui: http://mycaffeletterario.blogspot.com/2010/12/gennaio-la-decima-stanza-di-glenn.html

    RispondiElimina